Notizie

Anno 2017

- Stefano Bazzeato vince il 28º Torneo di Fine Anno - Trofeo “Piccolo Fiore”

La ventottesima edizione del Torneo di Fine Anno ha quest’anno cambiato l’Associazione alla quale è stato legato, ma non ha cambiato il vincitore.

La nostra classica gara di fine anno è da sempre anche l’occasione per beneficiare con parte del ricavato un’altra Associazione del territorio e quest’anno la scelta è caduta sull’Associazione “Piccolo Fiore”, che dal 1984 svolge la propria opera presso la Domus Laetitiae di Sagliano Micca, una struttura di eccellenza a supporto alle persone con disabilità, sia con quasi settanta ospiti ricoverati a livello residenziale, che con un’altra cinquantina in diurnato. L’attività dell’Associazione “Piccolo Fiore” si sviluppa a tutto tondo, dalla gestione dei volontari che prestano la propria opera presso la Domus Laetitiae, all’organizzazione di manifestazioni benefiche, sportive (Special Olympics) e di progetti solidali in favore degli ospiti della struttura (vacanze al mare ed in montagna), nonché alla promozione di iniziative, convegni e seminari con riguardo al volontariato.

I nove turni del torneo hanno visto la conferma della vittoria del favorito della vigilia: il Candidato Maestro Stefano Bazzeato, che non ha davvero avuto rivali. Troppi i circa duecento punti ELO di vantaggio sul secondo giocatore del tabellone e così Stefano ha potuto festeggiare il bis del successo dello scorso anno con un turno di anticipo, un risultato che gli ha anche consentito anche di aggiudicarsi il premio biennale in palio.

E’ stato in ogni caso un torneo ben partecipato, con trentadue giocatori al via (nove Under 16), pur in assenza della nutrita presenza degli amici del circolo di Vercelli (rappresentati solo dal CM Mario Caldi e da Gian Franco Costantino, ai quali vanno i nostri ringraziamenti) che aveva contraddistinto le passate edizioni.

Dietro al vincitore (8,5 punti su 9) il podio è risultato composto proprio da Gian Franco Costantino (6,5 punti) e da Davide Moratto (6 punti). Questi ha preceduto grazie ad un migliore spareggio tecnico Luigi Isoardi, mentre con 5,5 punti si sono classificati quattro giocatori: Giulio Sunder, Ilaria Gnata, Giorgio Valenzano ed Alessandro Gasparetto, che ha confermato i progressi messi in mostra nell’ultimo anno ed al quale il punteggio ELO (era il ventiseiesimo di tabellone) non rende ancora giustizia. Tra i giocatori con 5 punti meritano una menzione particolare Stefano Cerri, che al suo primo torneo ha dimostrato una più che buona abilità nel gestire posizioni anche complesse, Erick Marangone e Domenico Cognata.

La premiazione del torneo, come d’abitudine, si svolgerà in occasione della Serata degli Auguri, in programma il prossimo 15 dicembre.

- Giulio Sunder vince l'Open B del “Levante Ligure”

Dopo qualche tempo di assenza, la Liguria torna a regalarci una grande soddisfazione, con la vittoria di Giulio Sunder nell’Open B del 5º Open Internazionale del Levante Ligure, riservato a giocatori con ELO inferiore a 1900 e disputato a La Spezia.

Per Giulio si tratta della prima vittoria in un torneo ufficiale, ottenuta oltretutto partendo con il numero 19 di tabellone. Il nostro giovane socio ha terminato solo al comando con 4,5 punti, distanziando di mezzo punto un gruppo di quattro giocatori.

Il torneo era iniziato in modo un poco rocambolesco: per errore il suo avversario del primo turno, il francese Jean Pineau, risultava iscritto sia nell’Open B che nell’Open C. Quando il fratello Matteo se ne accorgeva e segnalava l’anomalia, il torneo era già iniziato con il francese impegnato nell’Open C e – non potendo giocare una simultanea (!) – a Giulio veniva assegnata la vittoria a forfait. Nel secondo turno il nostro socio affrontava il numero 7 di tabellone ed otteneva il punto pieno sfruttando al meglio una sua imprecisione in un finale verosimilmente patto. Diverso il racconto del terzo turno: opposto al quattordicenne toscano Montorsi (ELO 1813), Giulio andava in leggero vantaggio in apertura e riusciva a mantenerlo tale fino al finale vittorioso. Al quarto turno, contro il numero 2 di tabellone (Marco Tazzini, ELO 1849), Giulio doveva difendersi da un forte attacco al proprio arrocco, cosa che faceva sacrificando un pezzo su due pedoni. Il finale risultante non era particolarmente semplice e l’avversario di Giulio, in forte zeitnot, doveva accontentarsi della divisione della posta. Con 3,5 punti era quindi decisivo l’ultimo incontro, disputato contro Vincenzo Magagnini (ELO 1745), che cercava di sorprendere Giulio con il gambetto Benko. Il nostro ragazzo doveva impegnarsi per difendersi ed alla fine otteneva una bella vittoria sfruttando al meglio il controgioco sull’ala di Re con attacco di matto imparabile.

A La Spezia era impegnato anche il fratello Matteo, che ha mantenuto sostanzialmente la sua posizione di partenza, tornando con un minimo guadagno di punti ELO.

- 2° Torneo Semilampo "Scacco al Museo"

Si è disputata ieri la seconda edizione del semilampo “Scacco al Museo” , ancora ospite del Museo dell’Emigrante di Roasio (VC), che – lo ricordiamo - è dedicato a tutti i roasiani che dalla metà del diciannovesimo secolo si sono trasferiti all’estero (principalmente in Africa) per lavorare.

Venti giocatori si sono affrontati in sei turni di gioco e alla fine a spuntarla è stato ancora il Maestro Giovanni Siclari con 5,5 su 6. Ottimo secondo posto per Luigi Isoardi (5 punti) che ha preceduto il casalese Mauro Scagliotti, fermato a 4,5 punti. Ai piedi del podio si sono piazzati tre giocatori con 4 punti, guidati dal CM Dario Borghi, che dopo aver superato Scagliotti ha dovuto arrendersi all’ultimo turno ad Isoardi.

Quinto posto per Matteo Sunder, che si è aggiudicato uno dei due premi di fascia, il secondo dei quali è andato ad Ilaria Gnata (settima con 3,5 punti). Tra i giovanissimi, coppe per Dario Isoardi (Under 8), Emiliano Tiritan (Under 10) e per Luca Romersa (Under 12), che ha affrontato con coraggio un torneo composto da giocatori molto più esperti. Va sottolineato come la presenza di Luca abbia anche dato un tocco di internazionalità al torneo: infatti, malgrado il cognome tradisca le origini italiane (e roasiane), il giovane vive in Nuova Zelanda e solo per pura coincidenza era presente a Roasio con la famiglia il giorno del torneo.

L’appuntamento è per la terza edizione, nel 2018: un ringraziamento per l’ospitalità va alla Presidente del Museo Francesca Peretti ed ai suoi collaboratori da tutto lo Scacchi Club Valle Mosso.

- Iniziato il 28º Torneo di Fine Anno "Trofeo Piccolo Fiore"

E’ iniziata ieri sera presso la nostra sede la ventottesima edizione del Torneo di Fine Anno, manifestazione con Trofeo Biennale che sin dalla sua nascita abbiamo voluto fosse abbinata con una Associazione di volontariato del territorio Biellese. Per l’edizione 2017 è stata scelta l’Associazione Piccolo Fiore, attiva sin dal 1984 insieme alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca, una struttura molto conosciuta ed altrettanto valida votata al supporto delle persone con disabilità.

Il torneo ha fatto registrare 32 iscritti, un numero che senza alcune defezioni dell’ultimo momento poteva anche essere ben superiore, ma che in ogni caso ci soddisfa pienamente.

L’inizio delle partite è stato accompagnato da due novità: la prima è costituita dalla trasmissione in diretta Internet – per la prima volta in un torneo “amatoriale” del circolo – di due incontri, grazie al supporto di Scacchi Randagi di Ezio “Patatone” Montalbini. Gli incontri che godranno della visibilità on-line verranno scelti tra quelli di ogni turno maggiormente significativi. La seconda novità è molto più “dolce” e consiste nella collaborazione attivata con la Pasticceria Maniscalco Rainero di Valle Mosso, che recentemente ha festeggiato i cinquanta anni di attività e che offrirà a giocatori ed accompagnatori la possibilità di assaporare i propri prodotti durante le serate della manifestazione.

Il primo turno ha registrato una sola vera sorpresa: la bella vittoria del giovanissimo Erick Marangone nei confronti dell’esperto Franco Zecchini; tra le altre partite da segnalare la patta tra i coetanei Matteo Sunder ed Alessandro Gasparetto.

- 8° Torneo Internazionale "Città di Biella": i nostri soci

Consistente come sempre (pur se con qualche defezione) la partecipazione dei nostri soci (venti in tutto) ai tornei inclusi nell’ambito del Torneo Internazionale “Città di Biella” .

Nell’Open A il risultato migliore è stato il sesto posto assoluto del CM Matteo Migliorini, al quale il torneo di casa non aveva mai portato particolare fortuna. Nell’ottava edizione, invece, il nostro giovane è riuscito con 3,5 punti a raggiungere i premi assoluti (suo miglior risultato a Biella), grazie alla bella vittoria finale contro il CM Samuele Bisi, dopo che la sconfitta contro il GM Igor Naumkin, peraltro in un incontro condotto fino quasi alla fine sui binari della parità, aveva messo a rischio il risultato finale. Ottimo anche il risultato del M Giovanni Siclari, nono assoluto, anch’egli con 3,5 punti. Dopo la sconfitta nel derby contro il CM Drago, Giovanni si è ben ripreso concludendo con due vittorie nell’ultimo giorno di gare, l’ultima delle quali contro il MF eporediese Fabrizio Ranieri, una delle ultime partite a terminare del quinto turno. Ha terminato invece con 2,5 punti il CM Paolo Drago che, dopo due vittorie iniziali, ha dovuto arrendersi prima al GM Naumkin e poi al M Vincenzo Montilli, per chiudere con una patta contro il CM Pietro Buffa Sabarino. Torneo complicato invece per il M Lorenzo Bardone ed il CM Lorenzo Pedoni, rispettivamente con 2 e 1,5 punti nella classifica finale: per loro qualche sconfitta un poco a sorpresa (entrambi hanno dovuto arrendersi a Nicolò Tiraboschi, una delle sorprese del torneo) ed una patta nello scontro diretto.

Risultati meno brillanti nell’Open B: per trovare il nostro migliore socio dobbiamo scendere al diciannovesimo posto, dove si è classificata con 2,5 punti Ilaria Gnata. Partita con il medesimo numero di tabellone, Ilaria è stata sconfitta al primo turno dal vincitore del torneo, per poi ottenere due vittorie (una nel derby contro Isoardi) e una patta. Per lei la conferma del suo attuale punteggio ELO, ma mezzo punto in più si poteva anche raggranellare. Mantengono sostanzialmente le proprie posizioni di partenza anche Davide Moratto e Giulio Sunder: Davide (ventunesimo con 2 punti) con le due vittorie ai primi due turni aveva lasciato sperare un risultato migliore, ma come nel recente torneo di Fano il nostro portacolori è calato alla distanza; Giulio non è stato particolarmente fortunato negli abbinamenti, avendo trovato sulla sua strada ben quattro giocatori sopra i 1800 punti, contro i quali ha riportato solo una (peraltro ottima) vittoria. Al di sotto delle aspettative i risultati di Marco Squara, Luigi Isoardi e Matteo Sunder: l’unico punto e mezzo ottenuto (una vittoria e una patta) da ognuno di loro non può renderli certamente soddisfatti.

Passiamo all’Open C: Riccardo Roma ha concluso con 3,5 punti al settimo posto, con tre vittorie (una a forfait) e una patta. Anche per lui si poteva sperare in un mezzo punto in più. Diverso il discorso per Alessandro Gasparetto: il suo ottavo posto (tre punti) è un ottimo risultato e dimostra i suoi progressi. Le partite contro tre giocatori con ELO superiore a 1600 punti (una vittoria e due sconfitte) devono essere lo sprone per continuare ad impegnarsi per migliorare. Difficile torneo invece per Domenico Cognata, anche per lui 1,5 punti complessivi non possono essere soddisfacenti.

Nell’Under 16 schieravamo sei giocatori su 11 ed è ovvio che, con tanti nostri ragazzi al via, gli scontri diretti si sono succeduti numerosi e la classifica finale ha ovviamente risentito dei punti che si sono vicendevolmente “rubati”. Spiace non essere riusciti a centrare il primo posto, andato meritatamente a Stefano Bertola, anche se ci possiamo ampiamente consolare con il resto del podio, conquistato nell’ordine da Erick Marangone e Dario Isoardi, giunti ad una lunghezza di distanza dal vincitore. Erick ha avuto comunque la possibilità di terminare alla pari con il vincitore, contro il quale aveva pattato al terzo turno, ma al turno successivo un gioco ancora una volta troppo veloce gli costava la sconfitta contro Porrino. Anche Dario ha avuto la possibilità di sopravanzare Bertola, ma al quarto turno nello scontro diretto usciva sconfitto ed il giovane torinese prendeva così definitivamente il largo. Quarto assoluto con tre punti Matteo Porrino, il cui torneo si può considerare nel complesso positivo; con gli stessi suoi punti troviamo Fouad Moussadek: da lui ci si poteva aspettare un poco di più, come anche da Emiliano Tiritan, 2,5 punti e non concentrato come in altre circostanze. Esordio a Biella infine con due punti per Nizar Moussadek, che – a prescindere dal risultato – ha evidenziato come avvenuto a Chianciano difficoltà nel mantenere una adeguata concentrazione.

- 8° Torneo Internazionale "Città di Biella": bilancio finale

Al termine dei tre giorni di gare (e di tutti i giorni precedenti di preparazione) è giusto stilare un bilancio dell’ottava edizione del nostro Torneo Internazionale. Riteniamo che sia obiettivamente difficile trovare aspetti negativi, se non per il numero di partecipanti (112), in calo rispetto agli anni immediatamente precedenti, che è anche il valore più basso nella storia del torneo (erano 115 i giocatori nella prima edizione). Ma lo stesso numero di partecipanti può anche essere visto come uno degli aspetti positivi, in quanto il calo, abbastanza generalizzato anche probabilmente a causa dell’aumentare della disponibilità di tornei, non è stato così pronunciato come accaduto in altre manifestazioni. E quindi approfittiamo di questa sede per ringraziare tutti i giocatori e i loro accompagnatori per la loro presenza a Biella, nonché per i complimenti ricevuti da alcuni di loro (cosa che fa ovviamente sempre piacere).

Positiva anche la parte strettamente tecnica: si sono visti degli incontri molto interessanti e combattuti in tutti i tornei e ciò ha ampiamente compensato la leggera diminuzione dell’ELO medio dei partecipanti nell’Open A, rendendo la gara maggiormente incerta, grazie anche alle ottime prestazioni di alcuni giocatori Under 2000 punti ELO.

Da rilevare inoltre come l’Open C stia diventando una gara un poco anomala, a seguito delle modifiche regolamentari introdotte dalla FIDE qualche anno fa, nelle quali è stato di molto “facilitato” l’ottenimento dell’ELO Internazionale, riducendo il numero di incontri e di punti necessari per entrare nel mondo FIDE. Tali modifiche hanno avuto come diretta conseguenza non solo l’aumento del numero di giocatori, ma anche un generale abbassamento del punteggio ELO di ingresso. Ciò si percepisce anche nella media dei punteggi degli iscritti ed è visibile l’aumento della differenza tra i primi giocatori e gli ultimi di tabellone, per i quali spesso il punteggio non rispecchia la loro effettiva forza di gioco, generando esiti a sorpresa delle partite.

Rimane ancora un poco di rammarico per il numero di giocatori (solo undici) al via nel Torneo Under 16, un torneo che per diversi motivi, dopo il record di trenta partecipanti alla prima edizione, ha trovato sempre difficoltà a ripetere numeri altrettanto importanti, malgrado il consistente numero di giocatori Under 16 attivi – ad esempio – in Piemonte.

Non rimane che ringraziare di cuore tutte le persone che ci hanno aiutato nella costruzione di questo evento, in particolare per la sistemazione dei locali della Biblioteca; un particolare ringraziamento va ai bibliotecari Simona, Walter e Pierangelo, presenti a turno durante le ore del torneo (e fino all’una e mezza di sabato mattina!) ed a Three Trees che ha curato il servizio di ristorazione. Non possiamo dimenticare Città Studi con il Presidente dottor Pier Ettore Pellerey per la disponibilità dei locali, i Comuni di Biella e di Valle Mosso ed i nostri sponsor: Successori Reda S.p.A., il Gruppo Cassa di Risparmio di Asti (Biverbanca e Banca di Asti), Riso Morgante, Biella Legno, Libreria Vittorio Giovannacci, Hotel Europa, Hotel Agata e Farmacia Clivati. Molto gradito anche il supporto di CONAD per la fornitura delle bottigliette d’acqua messe a disposizione dei giocatori e la Pasticceria Massera di Sala Biellese che ha addolcito l’evento con i suoi famosi Torcetti e Paste d’Melia.

- Il GM Sergey Ivanov si aggiudica l'8° Torneo Internazionale "Città di Biella"

Alla sua terza partecipazione al Torneo Internazionale “Città di Biella” e dopo due terzi posti il Grande Maestro russo Sergey Ivanov ha centrato la vittoria iscrivendo così il proprio nome nell’albo d’oro del torneo. Ivanov ha trionfato con 4,5 punti su 5 e si è garantito la vittoria con la patta all’ultimo turno con il connazionale GM Igor Naumkin, giunto al secondo posto con 4 punti. Terza piazza per il Maestro Federico Madiai, anch’egli con 4 punti ma con un peggiore spareggio tecnico.

Ivanov a parte, si può parlare di un torneo complessivamente equilibrato e di ottimo livello tecnico, dove le patte sono state numerose e hanno contribuito ad accorciare molto la classifica. Quattro dei giocatori che partivano con i primi dieci numeri di tabellone non sono riusciti a classificarsi nelle prime dodici posizioni, mentre vanno menzionati gli eccellenti risultati ottenuti da due outsider: il bergamasco Nicolò Tiraboschi ed il CM milanese Andrea Orlandini. Nicolò partiva con il numero 35 di tabellone (ELO 1974) ed è giunto settimo assoluto con 3,5 punti (da notare come un anno fa avesse gareggiato nell’Open B con un ELO di 1723!) conquistando tre vittorie ai danni di tre giocatori biellesi: Ubezio ed i nostri Bardone e Pedoni. Ancor meglio ha fatto il CM Andrea Orlandini, che partendo con il numero 41 (su 42 partecipanti) e sfruttando una wild card, essendo il suo ELO pari a 1873 punti, si è piazzato dodicesimo con 3 punti (due vittorie, tra le quali una di prestigio contro il MF Yao, due patte ed una sola sconfitta, quest’ultima per mano del nostro CM Migliorini).

Tra i giocatori dell’Open A ci ha fatto piacere infine rivedere il nostro ex socio Tommaso Penna, ora residente all’estero, il cui ultimo torneo in Italia risaliva a poco più di tre anni fa.

- Alessandro Favaro vince l'Open B dell'8° Torneo Internazionale "Città di Biella"

L’Open B del Torneo Internazionale “Città di Biella” è stato l’unico a doversi decidere con lo spareggio tecnico: si sono infatti ritrovati in vetta appaiati l’imperiese Alessandro Favaro (classe 2005!) e l’astigiano Alessandro Vercelli (classe 1998). Tra i due Alessandro è stato il ligure a spuntarla, per la verità con un buon margine di Buchholz di scarto (1,5 punti): Favaro così bissa la vittoria ottenuta all’inizio del mese all’Open B nel Festival di Imperia ed ottiene i gradi di Candidato Maestro. Il percorso dei due ragazzi è stato identico e l’incrocio diretto al quarto turno è terminato con una patta.

Alle loro spalle, con 4 punti, si è classificato il CM milanese Claudio Raselli, mentre va segnalata la crescita del giovane milanese Simone Pozzari (classe 2006!), ottimo quarto con 3,5 punti e già vincitore lo scorso anno a Biella dell’Open C; Simone ha dovuto arrendersi solo all’ultimo turno contro Vercelli.

Importante il risultato conseguito dagli amici del Circolo Scacchistico Vercellese, che hanno piazzato Gian Franco Costantino al quinto posto, Davide Loggia al sesto (era il numero 29 di tabellone su 34 giocatori al via) e Andrea Negro al nono (era il numero 26). Curioso anche come – sommando gli incontri dell’Open B e dell’Open C – i soci del circolo vercellese abbiano disputato ben sei incontri tra di loro: praticamente, un mini-torneo sociale!

- Christian Quagliotti vince l'Open C dell'8° Torneo Internazionale "Città di Biella"

L’Open C del Torneo Internazionale “Città di Biella” ha visto al via 25 giocatori ed anche questa gara non ha fatto mancare le sorprese, aumentate dal fatto che alcuni giovani scacchisti hanno attualmente un ELO sottostimato e pertanto il torneo è stato molto più equilibrato di quanto i punteggi dei singoli giocatori potesse lasciar credere. Al termine la vittoria è andata al latinense Christian Quagliotti, numero tre di tabellone, che non ha avuto vita facile per aver ragione di giocatori che sulla carta erano di oltre duecento o trecento punti più deboli. Arrivato con quattro punti all’ultimo turno ha chiuso l’ennesimo incontro combattuto contro il giovane milanese Brando Pavesi (poi giunto secondo con 4 punti), classe 2007, prossima Seconda Categoria Nazionale e terzo classificato ai Campionati Italiani Under 10 di Chianciano Terme. Terza piazza per il brianzolo Roberto Adda, anch’egli con quattro punti ma con uno spareggio tecnico leggermente peggiore.

Significativo inoltre il fatto che ai piedi del podio si siano classificati sei giovani e giovanissimi scacchisti, nell’ordine: il bergamasco Mattia Pegno (classe 2006 e numero 15 di tabellone), che ha scelto l’Open C al posto dell’Under 16 al quale si era originariamente iscritto; l’astigiano Nicolò Briata (anche lui 2006), la vercellese Enrica Carando, i nostri Riccardo Roma ed Alessandro Gasparetto (quest’ultimo numero 22 di tabellone) ed il verbanese Marcello Di Fina (classe 2005).

- Stefano Bertola vince il Torneo Under 16 "Trofeo Città Studi"

Il classico Torneo Under 16 da sempre disputato a latere del Torneo Internazionale quest’anno ha messo in palio un Trofeo intitolato a Città Studi, rendendo così omaggio alla sede universitaria biellese che fortemente contribuisce a dare prestigio alla nostra manifestazione.

La vittoria è andata al giovane torinese di dieci anni (tra pochi giorni: auguri!) Stefano Bertola, che ha terminato con 4,5 punti ed un punto pieno di vantaggio sugli immediati inseguitori, due Under 8 che ben conosciamo, ovvero Erick Marangone e Dario Isoardi. Stefano ha pattato l’unico incontro proprio contro Erick al terzo turno, in una partita nella quale a vincere era stata forse la paura di perdere, ed uscendo vincitore da tutti gli altri, tre dei quali contro nostri ragazzi (lo stesso Isoardi, Matteo Porrino e Fouad Moussadek), concludendo poi all’ultimo turno un lungo incontro (circa due ore e mezza) con la milanese Bianca Pavesi, attuale Campionessa Italiana Under 8, alla fine ottima quinta con tre punti. Con lo stesso punteggio della giovane milanese si sono classificati anche Matteo Porrino (quarto) e Fouad Moussadel (sesto).

- 8° Torneo Internazionale “Città di Biella” - Quarto Turno

Il quarto turno ha contribuito a delineare le classifiche: in tutti i tornei, con l’eccezione dell’Open B, è rimasto al comando un solo giocatore, favorito a questo punto per la vittoria finale. Nell’Open B, invece, la testa della classifica è condivisa da tre scacchisti ed il finale è totalmente incerto.

Andiamo con ordine: nell’Open A in prima scacchiera il GM Ivanov ha avuto ragione del MI Vezzosi ed è rimasto pertanto a punteggio pieno. Accanto a loro il nostro CM Migliorini aveva il difficile compito di affrontare il GM Naumkin. Ne scaturiva una bella partita, sostanzialmente equilibrata fino alla ventottesima mossa: alla successiva il nostro alfiere commetteva un’imprecisione che lo costringeva, poche mosse dopo, alla resa. Ne hanno approfittato il M Montilli, il FM Ranieri ed il M Madiai che grazie alle loro vittorie hanno superato in classifica i giocatori sconfitti delle prime due scacchiere. All’ultimo turno sarà decisivo il derby russo tra i GM Ivanov e Naumkin.

Nell’Open B in prima scacchiera tra Vercelli e Favaro usciva una patta, cosa che permetteva a Pozzari di riagganciare la vetta della classifica, grazie al punto pieno ottenuto con il Nero contro la bergamasca Guerini. Altri tre giocatori seguono a mezzo punto di ritardo, rendendo pertanto questo torneo, come detto, altamente incerto fino alla fine.

Nell’Open C lo scontro al vertice tra Quagliotti ed il nostro Gasparetto ha visto la vittoria del giocatore laziale, sicuramente di maggior esperienza, che rimane così a punteggio pieno. In seconda scacchiera il punto ottenuto dal milanese Pavesi (con il nero) ai danni del numero uno di tabellone Benazzo fa sì che i giochi rimangano aperti per il turno pomeridiano, con Quagliotti che contro Pavesi potrà contare su due risultati utili su tre per ottenere la vittoria finale in considerazione del mezzo punto che li separa. Alle loro spalle quattro giocatori a tre punti (tra i quali anche il nostro Gasparetto) si giocheranno le possibilità, incontrandosi tra di loro, di un posto sul podio e nei premi assoluti.

Nell’Under 16 la partita più importante vedeva opposti il torinese Bertola ed il nostro Isoardi. Il risultato finale ha visto la vittoria del primo, che rimane così in vetta alla classifica da solo, grazie anche al passo falso di Marangone, fermato da un Porrino che ha certamente giocato un buon incontro, ma è stato anche aiutato anche dalla (ahimè, solita) fretta messa in mostra dal suo avversario. A questo punto Bertola diventa il favorito per la vittoria finale, avendo mezzo punto di vantaggio sulla coppia formata da Porrino e dalla milanese Pavesi, che all’ultimo turno avrà l’occasione di compiere l’impresa nell’incontro decisivo contro il giovane torinese.

- 8° Torneo Internazionale “Città di Biella” - Terzo Turno

E’ un torneo strano, l’Open A di questa edizione. Molto equilibrio (14 patte su 30 incontri se consideriamo solo le prime 10 scacchiere) ed una classifica che rispetta poco le posizioni del tabellone di partenza. Fa eccezione il GM Ivanov, che con la vittoria sul CM Drago resta solo al comando con mezzo punto di vantaggio su (solo) tre giocatori: il GM Naumkin (che con un po’ di fortuna riesce a far sua la sfida con il M Ubezio, dopo aver rischiato la sconfitta), il MI Vezzosi (vittoria contro il M Ventura) ed il nostro CM Migliorini (vittoria contro il CM Orlandini). Alle loro spalle ben dodici giocatori seguono con due punti; tra di loro troviamo il 1N Tiraboschi (bella vittoria oggi ai danni del nostro M Bardone nella gara che è terminata per ultima dopo 4h 45’ di gioco).

Nell’Open B i giocatori a punteggio pieno si riducono a due: Favaro e Vercelli, che superano i diretti avversari e si troveranno quindi faccia a faccia nel turno successivo. Dietro di loro insegue Pozzari con mezzo punto di ritardo: il giovane lombardo, vincitore lo scorso anno dell’Open C, dimostra così di essere sensibilmente cresciuto nel corso degli ultimi dodici mesi. Undici giocatori sono invece classificati con due punti, a dimostrazione di una situazione globalmente equilibrata anche in questo torneo.

Situazione molto interessante, soprattutto per i nostri colori, nell’Open C. Tra i due giocatori a punteggio pieno c’è infatti il nostro Gasparetto (vittoria oggi contro la vercellese Carando) che domani dovrà vedersela con il laziale Quagliotti (vittoria contro il giovane verbanese Di Fina). Come per l’Open B, anche in questo torneo c’è un solo inseguitore a 2,5 punti (il milanese Pavesi) e diversi altri a due punti.

Nell’Under 16, infine, chi si aspettava un incontro decisivo per la vittoria finale tra Marangone e Bertola è rimasto deluso. Giunti nel mediogioco In posizione sostanzialmente di parità, i due giovani scacchisti si sono accordati per la patta, evidentemente preferendo non rischiare. Ne ha approfittato quindi Isoardi, che grazie alla vittoria su Nizar Moussadek raggiunge la testa della classifica e si rimette in corsa per la vittoria finale.

- 8° Torneo Internazionale “Città di Biella” - Secondo Turno

Anche il secondo turno del Torneo Internazionale si è dimostrato molto interessante e combattuto, come dimostra il numero alquanto limitato di giocatori a punteggio pieno. Nell’Open A si sono infatti registrate numerose patte, cosa che ha permesso al GM Ivanov ed al nostro CM Drago (vittorioso con Nero nel derby valmossese contro il M Siclari) di restare da soli al comando. Alle loro spalle ben quindici giocatori inseguono con mezzo punto di ritardo: tra di loro fa notizia la vittoria del CM Orlandini a danni nel MF Yao, che è sorprendentemente ancora a zero punti.

Sono invece quattro i giocatori a punteggio pieno nell’Open B: insieme a Favaro (numero due del tabellone e recente vincitore dell’Open B di Imperia) e Vercelli (anche lui tra i primi dieci del tabellone) troviamo Brioschi e il nostro Moratto, due giocatori che partivano da posizioni di tabellone più distanti.

Situazione simile nell’Open C, dove sui quattro giocatori a punteggio pieno, possono essere considerati outsider. Tra di loro spicca la presenza di Alessandro Gasparetto, che nel secondo turno è riuscito nell’impresa di superare il verbanese Basaglia, al quale rendeva sulla carta circa 350 punti.

Nell’Under 16, invece, solo Marangone e Bertola sono rimasti a punteggio pieno e si giocheranno al terzo turno una buona fetta della vittoria finale. Tra gli inseguitori, da segnalare la patta tra i nostri Tiritan e Isoardi, con quest’ultimo che getta al vento la possibilità di conquistare il punto pieno.

- 8° Torneo Internazionale “Città di Biella” - Primo Turno

Anche quest’anno non sono mancate le sorprese nel primo turno del nostro Torneo Internazionale “Città di Biella”, con molti incontri interessanti e combattuti. Nell’Open A in prima scacchiera ha vinto il favorito GM Ivanov, ma non senza impegnarsi a fondo, contro il CM Llupa; in seconda scacchiera, invece il GM Naumkin ha dovuto accontentarsi della patta opposto al CM Samuele Bisi. La stessa sorte è toccata al MI Vezzosi, costretto a dividere i punti per mano del secondo fratello Bisi in gara: il CM Riccardo. Il colpo di scena è arrivato sulla quarta scacchiera, dove il derby torinese tra il MF Yao ed il CM Buffa Sabarino ha visto prevalere il secondo. Tra gli incontri più interessanti va annotato quello che ha visto il nostro CM Pedoni arrendersi al MF Ranieri: il suo coraggioso attacco con sacrificio di pezzo portava con sé grandi complicazioni tattiche, che il nostro ragazzo non è riuscito a sfruttare.

Sorpresa in prima scacchiera anche nell’Open B, dove si è disputato un altro derby: quello tra i vercellesi Zannoni e Caldi, con la vittoria del primo sul CM numero uno di tabellone. Il mini-torneo sociale degli amici vercellesi è poi continuato con le sfide Costantino-Loggia (patta) e Carando-Mella (nell’Open C, con vittoria della prima). E’ partito bene anche il nostro Davide Moratto che ha superato il più quotato Davide Mapelli, numero tre di tabellone.

Nell’Open C hanno iniziato bene i giocatori che guidano il tabellone: complicato l’incontro in prima scacchiera, ultimo a terminare del torneo, con il nostro Riccardo Roma che ha però dovuto cedere al numero uno Angelo Benazzo. Tra i nostri soci anche il giovane Alessandro Gasparetto ha superato un avversario sulla carta più quotato.

E’ iniziato anche il torneo Under 16, con le vittorie di Erick Marangone, Stefano Bertola, Emiliano Tiritan (nel derby contro Nizar Moussadek), Fouad Moussadek e Luca Daniel Iosipescu.

- 8° Torneo Internazionale “Città di Biella”

E alla fine anche l’ottava edizione del Torneo Internazionale “Città di Biella” e del Torneo Under 16 “Trofeo Città Studi” è partita. Nella cornice della Biblioteca di Città Studi anche quest’anno possiamo dire di essere riusciti nel – non facile – compito di dare il via ad una manifestazione che negli anni scorsi ci ha portato tante soddisfazioni. L’edizione 2017 ha confermato il calo di partecipazione che anche quest’anno si è fatto sentire nei tornei, ma ciò nonostante si è mantenuta al di sopra dei 100 partecipanti, riuscendo a portare a Biella 112 giocatori suddivisi nei quattro tornei (i tre Open dell’Internazionale e l’Under 16). Il numero di giocatori giunti a Biella sale così a 482 (per 1047 presenze complessive) provenienti da 20 diverse nazioni (inclusa l’Italia).

Il numero 1 del tabellone nell’Open A è il GM russo Sergey Ivanov, alla sua terza presenza a Biella, con il connazionale GM Igor Naumkin che lo affianca con il numero 2.

Come ormai d’abitudine le prime scacchiere dell’Open A godranno della diretta Internet a cura di Scacchi Randagi, con il visore appositamente adattato dal nostro socio Matteo Migliorini per la fruizione sul nostro sito.

- “Porte Aperte” allo Scacchi Club Valle Mosso

Per la ripresa dell’attività del circolo, in particolare per quanto riguarda l’insegnamento del gioco, quest’anno abbiamo pensato di organizzare una serata a “Porte Aperte” dedicata ai soci, ma anche a tutti coloro volessero curiosare prima di avvicinarsi direttamente, ovvero avvicinare i propri figli, al gioco degli scacchi. Durante la serata presenteremo i nostri progetti, con particolare riguardo alle modalità di insegnamento presso la nostra sede del gioco degli scacchi, modalità che abbiamo pensato di rinnovare profondamente.

I ragazzi con le rispettive famiglie (ma anche gli adulti) interessati sono quindi invitati a Valle Mosso, presso la nostra sede, martedì 19 settembre con inizio alle ore 21:00. Vi aspettiamo!

- Pietro Micca Day

Invitati dal Presidente Ercole Passera della A.P.D. Pietro Micca di Biella, oggi pomeriggio abbiamo partecipato con una nostra postazione al Pietro Micca Day, la manifestazione che segna l’inizio del nuovo anno sportivo per la blasonata associazione biellese. Come già avvenuto lo scorso anno, nella cornice dei Giardini Zumaglini di Biella, alcuni dei nostri ragazzi (il Maestro Giovanni Siclari, Ilaria Gnata e Davide Colpo) hanno giocato con numerosi ragazzi (e anche qualche adulto) interessati al nostro sport.

Un ringraziamento alla Pietro Micca per l’occasione offertaci, nel segno di una collaborazione attivata da qualche tempo (gli ultimi due Campionati Interprovinciali sono stati disputati presso la loro sede storica di Biella) che speriamo possa in futuro ulteriormente rafforzarsi.

- Lo Scacchi Club Valle Mosso su Facebook

A partire dalla serata del 15 settembre, a una settimana esatta dall’inizio del nostro Torneo Internazionale, è attiva la nostra nuova pagina Facebook, raggiungibile anche tramite il collegamento inserito nella colonna di destra della nostra home page (nella versione per cellulare, dopo la sezione notizie). La pagina Facebook non sostituirà il nostro sito Internet, che rimane il nostro principale veicolo di comunicazione, ma lo affiancherà rilanciandone i contenuti e dandoci soprattutto la possibilità di informare i nostri amici con una modalità più immediata.
Vi invitiamo a venirci a trovare ed aspettiamo i vostri “mi piace”!

- Matteo Migliorini vince a Livorno Ferraris

Un folto contingente di nostri soci (nove in tutto) ha partecipato oggi alla prima edizione di un torneo semilampo, organizzato a Livorno Ferraris (VC) dal neonato circolo locale, il “Paul Morphy Chess Club”. Il torneo si è rivelato un successo, con ben 30 giocatori presenti, tra i quali alcuni particolarmente esperti di semilampo, cosa che ha alzato il tasso tecnico della competizione. La vittoria è andata al nostro CM Matteo Migliorini con 5,5 punti su 6 (unica patta con il vercellese Costantino). Matteo ha superato nell’ultimo, decisivo, turno il CM vercellese Favoni, giunto secondo con 5 punti precedendo Massimiliano Autino. Ottimo risultato anche per Ilaria Gnata, sicuramente non una specialista della cadenza veloce, quinta con 4,5 punti (patta con Enrico Cappa, sconfitta con Autino) che ha preceduto di mezzo punto Giorgio Valenzano (lui sì, specialista dei semilampo) e prima degli Under 16. Tra gli altri nostri soci va segnalato il debutto assoluto in un semilampo di Riccardo Mongrandi Varina, che da poco ha iniziato ad apprendere il “nobil giuoco”. Hanno giocato a Livorno Ferraris anche Emiliano ed Ugo Tiritan, Matteo e Fabrizio Porrino, Stefano Lavino e - in una sua rara apparizione seduto ad una scacchiera – Antonello Migliorini.

Da parte nostra, al Presidente ed ai soci del club livornese, vanno i migliori auguri di buon lavoro.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Bilancio Finale

Al termine di una manifestazione importante e prestigiosa come lo sono i Campionati Italiani Giovanili arriva il momento del bilancio. Bisogna innanzi tutto sottolineare come organizzativamente sia filato tutto liscio, ad eccezione di un poco di confusione al momento della cerimonia di premiazione, ma i complimenti all’organizzazione, premiata anche dalla partecipazione record e da una splendida settimana di sole, sono doverosi.

Veniamo ai nostri ragazzi, partendo dai più piccoli. A mente fredda i risultati di Erick Marangone (quarto assoluto) e Dario Isoardi (quinto) sono indice di due prestazioni di alto livello. Restare tra i primi in Italia (Dario) ed affacciarsi prepotentemente nell’élite (Erick) non è facile ma i due nostri giovanissimi alfieri ci sono riusciti. Entrambi con 7 punti (sette vittorie), possono serenamente pensare ai prossimi traguardi e lasciarsi dietro quel poco di delusione per un traguardo (il podio) che è sfumato per poco, consci di aver dimostrato di avere tutte le carte per vincere anche gli incontri nei quali sono usciti sconfitti. Il loro buon approccio alla gara, mantenuto per quasi tutti i nove incontri, fa ben sperare per il futuro: il loro cammino è infatti solamente iniziato e siamo certi che, con il loro indispensabile impegno, continuerà con molte soddisfazioni.

Salendo di categoria, incontriamo nei Pulcini (Under 10) due dei quattro debuttanti nella manifestazione nazionale: Emiliano Tiritan e Nizar Moussadek. Possiamo senza tema di smentita affermare che Emiliano è stato la grande sorpresa del torneo: i 5 punti complessivamente segnati (5 vittorie) lo hanno posizionato al 38º posto su 126 partecipanti ed il suo risultato poteva ancora essere migliore. Emiliano ha dimostrato di non subire l’emozione del debutto, di giocare delle buone aperture e di possedere grande determinazione: il giovane di Callabiana non ha sfigurato neanche al primo turno contro il milanese Pavesi, giunto poi terzo, per poi infilare quattro vittorie di fila. C’è naturalmente ancora molto lavoro da fare, ma Emiliano pare assimilare bene gli insegnamenti; dovrà solo limitare la propria irruenza e capire che non serve attaccare a prescindere per vincere un incontro, ma talvolta è utile anche un poco di calma.

Decisamente più emozionato, anche perché era non solo il debutto ai Campionati, ma il debutto assoluto in un torneo a tempo lungo, Nizar Moussadek ha comunque disputato un torneo ampiamente in linea con le attese della vigilia; i suoi 4 punti (due vittorie, quattro patte) lo hanno classificato 76º. Nizar ha cercato, non sempre riuscendovi, di mantenere un’adeguata concentrazione per tutta la durata di ogni singolo incontro: ne è una prova la confusione visibile nelle mosse riportate sui suoi formulari (che rendevano talvolta molto complicata l’analisi dell’incontro). Il giovane valmossese ha ampi margini di miglioramento: speriamo che l’esperienza possa dargli il giusto stimolo per proseguire nel suo percorso di crescita.

Gli altri due debuttanti disputavano i due tornei Under 12 (Giovanissimi), storicamente la categoria sempre con la maggiore partecipazione delle cinque in cui si dividono i Campionati, con Fouad Moussadek nell’Assoluto ed Evelyn Odisio nel Femminile. Anche Fouad ha terminato con 4 punti (e così si è garantita la par condicio familiare con Nizar); il risultato, in linea con le aspettative, sta però un poco stretto al ragazzo, in quanto in alcuni incontri ha avuto grandi opportunità di ottenere il punto pieno, salvo poi commettere un errore oppure non trovare il piano strategico giusto per consolidare il vantaggio. Niente di grave, sono problemi che si possono risolvere con una costante preparazione. Piuttosto che soffermarsi sulla sua posizione finale (122º su 189 giocatori), merita segnalare una nota molto positiva: gli incontri di Fouad sono quasi sempre durati molto tempo (il record è stato tre ore e mezza), a dimostrazione che il giovane riesce a restare concentrato a lungo e questo è un buon punto di partenza.

Diverso il discorso di Evelyn Odisio: i suoi 3,5 punti (tre vittorie, una patta, 58º posto su 73 giocatrici) sono stati frutto di incontri dove il suo impegno è andato a braccetto con tanti errori, sia suoi che delle sue avversarie. E’ evidente che ad Evelyn serva una maggiore partecipazione alla vita del circolo, ai tornei e soprattutto alle lezioni del sabato, in modo da assimilare meglio i meccanismi di gioco.

Salendo ulteriormente di categoria arriviamo ai Cadetti (Under 14), dove schieravamo Alessandro Gasparetto e Matteo Porrino. Di Alessandro, nella presentazione dei Campionati, avevamo scritto che avrebbe potuto togliersi qualche soddisfazione: così è stato, ma solo in parte. Il giovane biellese ha fatto registrare la metà dei punti disponibili (3 vittorie, 3 patte) classificandosi al 74º posto su 153 partecipanti, ma siamo sicuri che con una maggiore attenzione il risultato sarebbe potuto essere migliore. E’ indubbio che in questi ultimi mesi Alessandro sia migliorato molto nel gioco (e gli incontri del recente torneo di Vercelli lo hanno dimostrato); ciò nonostante difetta ancora di attenzione, non solo nelle fasi di gioco, ma anche in quelle di preparazione e di successiva analisi degli incontri. Continuiamo a sostenere che il suo ELO attuale non rispecchi il suo reale valore, ma serve da lui un ulteriore scatto in avanti per spostare definitivamente le proprie potenzialità dalla carta alla scacchiera. Come per Fouad va comunque sottolineato l’impegno di Alessandro negli incontri, quasi tutti di lunga durata (anche fino a quattro ore), rivaleggiando talvolta con Ilaria su chi fosse l’ultimo a uscire dalla sala di gioco.

E’ invece difficile commentare il torneo di Matteo Porrino: è evidente che il 146º posto conclusivo con 2,5 punti (nessuna vittoria, tre patte e un bye) non possa essere soddisfacente in prima battuta per lui stesso. La partenza ad handicap, con quattro sconfitte consecutive, lo ha sicuramente demoralizzato ed è stato poi per lui veramente difficile riprendersi. Nella presentazione auspicavamo che Matteo riuscisse a mantenere un’attenzione costante per tutti i turni; ciò purtroppo non sempre è avvenuto ed in queste competizioni gli errori spesso e volentieri si pagano. Sappiamo che Matteo aveva le potenzialità per fare decisamente meglio ed è da questa convinzione che lui dovrà ripartire, unendola a una maggiore tranquillità ed attenzione durante lezioni ed incontri.

Per terminare, il nostro nono rappresentante era Ilaria Gnata, che ha disputato il torneo Allievi Femminile (Under 16), ottenendo il sesto posto conclusivo con 6 punti (cinque vittorie e due patte). Anche per lei vale il discorso che abbiamo fatto per Dario ed Erick: a mente fredda c’è da essere soddisfatti per un risultato che migliora il decimo posto dello scorso anno. Resta una domanda, che non potrà mai avere risposta: cosa sarebbe stato il torneo di Ilaria senza quell’errore nelle concitate fasi finali del secondo turno, dove era riuscita a mettere in grossa difficoltà per tutto l’incontro la Campionessa Italiana Maria Palma ed anche la patta le sarebbe risultata stretta? Tornando alle certezze, Ilaria ha confermato di potersela giocare anche con avversari sulla carta più forti ed ha fatto vedere miglioramenti anche sotto il profilo emotivo (vedi la patta con la bolzanina Paparella). Il suo prossimo obiettivo dovrà essere quello di approfondire alcuni temi della partita che la vedono ancora poco incisiva. L’impegno nei tornei c’è già, ora servirà anche quello nei momenti di preparazione.

I risultati di Erick, Dario ed Ilaria hanno fruttato al nostro circolo un ottimo 15º posto nella classifica speciale per circoli: è una posizione in linea con quelle di qualche anno fa che ci consolida al secondo posto tra i circoli piemontesi, dopo la corazzata della Scacchistica Torinese (peraltro prima assoluta, complimenti!).

In conclusione, un doveroso ringraziamento va al CM Lorenzo Pedoni, che ha seguito, analizzato e preparato quasi tutti i nostri ragazzi nelle pause tra un turno e l’altro ed al Consigliere Elisabetta Celitoso che ha accompagnato la spedizione ufficiale a Chianciano. Un grazie anche alle famiglie dei nostri ragazzi, quasi tutte presenti in Toscana, che li hanno supportati, ed un ulteriore grazie allo staff dell’Hotel Rinascimento di Chianciano, diventato per una settimana “Casa Valle Mosso”, per la gentilezza e la disponibilità.

Appuntamento al 2018!

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Nono Turno

Il nono ed ultimo turno dei Campionati Italiani Giovanili è stato un vero ottovolante di emozioni. Iniziato con buone speranze, è terminato con un poco di delusione, sia per il 4/9 realizzato complessivamente, ma soprattutto per il podio mancato da Erick.

La mattinata iniziava con i fari puntati sul Torneo Under 8: con il titolo nazionale assegnato con un turno di anticipo al palermitano Lo Piccolo, Erick Marangone partiva con l’obiettivo di difendere il secondo posto contro il bolognese Mihaila Radu, mentre Dario Isoardi doveva vincere per essere pronto ad approfittare di eventuali passi falsi dei primi in classifica. L’incontro di Dario non aveva storia sin dalle prime battute: dopo poche mosse il giovane biellese andava già in vantaggio di un pezzo, che diventavano due qualche minuto dopo. La pratica si chiudeva dopo poco più di mezz’ora a suo favore e l’attenzione si spostava sull’incontro di Erick, al quale bastava mezzo punto per garantirsi il secondo posto. L’incontro si incamminava lungo i binari della sostanziale parità, anche se due pedoni doppiati del giocatore bolognese potevano far preferire la posizione di Erick. In fase di mediogioco il nostro ragazzo non riusciva però a dare una adeguata pressione permettendo all’avversario di riorganizzarsi: ciò nonostante, la posizione era ancora pari. Un’improvvisa svista di Erick permetteva però all’avversario di guadagnare con un attacco doppio la Torre e a questo punto Erick doveva cedere le armi e le speranze del secondo posto con annessa ammissione ai Campionati Europei di categoria. Erick si ritrovava così a 7 punti in compagnia di Dario e di Nicolas Perossa: bisognava aspettare il responso dello spareggio tecnico per sapere chi avrebbe conquistato il terzo gradino del podio. Poiché il primo spareggio (Buchholz totale) tra Erick e Perossa era pari, si doveva a questo punto passare al secondo criterio, da quest’anno il Sonneborn-Berger. E quest’ultimo premiava purtroppo per solo mezzo punto Perossa, relegando Erick e Dario (il cui Buchholz era peggiore degli altri due giocatori) rispettivamente al quarto ed al quinto posto finale.

L’unico altro nostro rappresentante che poteva ambire ad un posto nelle prime posizioni era Ilaria Gnata negli Under 16 Femminili. Ilaria partiva settima e con una vittoria avrebbe potuto ancora scalare qualche posizione, dipendendo ovviamente anche dai risultati delle altre scacchiere. Come d’abitudine, la giovane di Valle San Nicolao era l’ultima a finire, dopo poco meno di tre ore e mezza di gioco di un incontro non giocato in modo ottimale – come era lei stessa ad ammettere – ma che comunque le portava il punto pieno. Ilaria infatti dava l’impressione di non riuscire a perseguire uno specifico piano strategico per fare fruttare al meglio la propria posizione. Nella frenesia dello zeitnot, poi, non si avvedeva di poter guadagnare un pezzo ed entrava in un finale non facile da vincere, fino al cambio delle Torri giocato dalla sua avversaria. Da questo momento in poi la superiore struttura pedonale di Ilaria permetteva di chiudere i Campionati con una vittoria e di scalare un’ulteriore posizione in classifica, terminando sesta.

Tornava poi alla vittoria Emiliano Tiritan negli Under 10, grazie ad un incontro ben giocato, sin dalle prime battute, nel quale non ha lasciato scampo al proprio avversario regolando la pratica in poco meno di un’ora. Il restante punto della giornata è arrivato grazie alle patte di Matteo Porrino (Under 14) e Nizar Moussadek (Under 10) in incontri nei quali il risultato di parità è stato probabilmente il più giusto.

Sconfitte infine per Evelyn Odisio (Under 12 Femminile), Fouad Moussadek (Under 12) ed Alessandro Gasparetto, che non giocano dei buoni incontri. Fouad si lasciava forse innervosire troppo dal suo avversario perdendo la concentrazione e commettendo un grave errore; Alessandro, invece, andava in svantaggio di un pedone subito in apertura e non riusciva mai a rientrare in partita.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Ottavo Turno

E’ già passata una settimana da quando il nostro gruppo ha iniziato la trasferta a Chianciano Terme: il tempo è veramente volato e siamo già alle battute conclusive: oggi si è disputato l’ottavo turno dei Campionati Italiani Giovanili e domani ci sarà solo lo spazio per gli ultimi e decisivi incontri. Intanto anche oggi i nostri ragazzi si sono complessivamente ben comportati, raggranellando un buon 5,5/9.

La copertina va di diritto ai due tornei dove stiamo confermando di avere le possibilità di entrare nei primi dieci della classifica, ovvero l’Under 8 e l’Under 16 Femminile. Negli Under 8 vincono sia Erick Marangone che Dario Isoardi, nell’Under 16 Femminile è arrivata una buona patta di Ilaria Gnata.

I nostri piccoli alfieri affrontavano due avversari molto difficili, e non potrebbe essere altrimenti giunti a questo punto: Erick giocava contro Nicolas Perossa, che al quinto turno aveva fermato Dario. L’incontro si metteva subito bene, con Erick che andava in vantaggio di qualità grazie a un doppio di Cavallo su Donna e Torre. La posizione che ne risultava era abbastanza complessa, e l’avversario di Erick non riusciva a tenerla per molto tempo (l’incontro durava circa 40 minuti); il giovane cossatese andava quindi in ulteriore vantaggio di pedoni per poi dilagare nel momento in cui Perossa si disuniva e lasciava anche una Torre. Molto più lunga (circa due ore) e ben più tesa invece la sfida di Dario contro il pavese Gabriele Valerio Rossi, che avevamo già apprezzato al recente Campionato Regionale di Mombaruzzo. L’incontro si dipanava sostanzialmente in parità, con il nostro giovane che si ritrovava con due pedoni di vantaggio, ma in ritardo di sviluppo. In seguito Dario cedeva la qualità al suo avversario, ma i suoi due pedoni diventavano sempre più minacciosi, avendo strada libera verso la promozione, un compito comunque non facile. Nel momento in cui l’incontro sembrava girare verso la parità, grazie all’ottima difesa di Gabriele, questi commetteva una grave svista lasciando una Torre in presa, decretando di fatto il termine dell’incontro con la vittoria di Dario. Nell’ultimo turno Erick si giocherà il secondo posto in uno scontro diretto che si preannuncia molto avvincente, mentre Dario potrà, con una vittoria, consolidare un ottimo piazzamento nelle primissime posizioni di classifica.

Ilaria era intanto impegnata contro la bolzanina Nicole Samantha Paparella, avversaria che la nostra ragazza aveva già incontrato con alterne fortune (una patta, una sconfitta). L’incontro non era particolarmente emozionante, anche se a un certo punto la posizione di Ilaria sembrava non dover reggere alla pressione dei pezzi avversari. In effetti Ilaria cedeva un pedone, ma con una bella manovra con l’Alfiere e le Torri riusciva a recuperare lo svantaggio forzando il cambio delle Torri e ritrovandosi in una posizione pari e molto più giocabile. Dopo alcune altre piccole schermaglie le due contendenti restavano con Alfieri contrari e si accordavano per la patta. Anche per Ilaria il turno numero nove sarà decisivo per consolidare e – magari – migliorare un poco la già buona posizione di classifica.

Le altre vittorie sono arrivate negli Under 14 da Alessandro Gasparetto, uno dei primi a finire, che non ha avuto problemi ad avere la meglio sul suo avversario, anche se non ha fatto tesoro delle analisi degli incontri precedenti per chiudere ancora prima la pratica. Vittoria anche per Fouad Moussadek negli Under 12: il giovane valmossese ha invece sfruttato al meglio le analisi mattutine e serali e – curiosamente – nella stessa posizione di apertura dell’incontro di Alessandro, ha guadagnato un pedone e la Torre all’ottava mossa. Da qui alla vittoria finale l’incontro è stato quindi completamente in discesa.

Hanno pattato poi Nizar Moussadek (Under 10) ed Evelyn Odisio (Under 12 Femminile): di Nizar non sapremo probabilmente mai come sia arrivata la patta in quanto i suoi formulari sono alquanto “criptici” (su questo bisognerà fare progressi…); Evelyn ha invece pattato un incontro ancora una volta disseminato di errori da entrambe le parti.

Sconfitte infine per Matteo Porrino (Under 14) ed Emiliano Tiritan (Under 10). Se Matteo continua a non ingranare, lasciando in presa l’ennesimo pezzo nelle fasi di apertura, Emiliano ha cominciato a sentire un poco di stanchezza e, poco lucido, si è lanciato in un attacco troppo ottimistico sul lato di Re avversario, cosa che gli è costata un Alfiere e ha compromesso la partita; va però sottolineato come cerchi di giocare in modo aggressivo, provando a sfruttare le (magari solo supposte) debolezze avversarie, pur mancando ancora di dimestichezza nel calcolare l’esito dei propri piani tattici.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Settimo Turno

A tre turni dal termine dei Campionati Italiani Giovanili i nostri ragazzi hanno segnato il risultato migliore del torneo, con 6 punti su 9 messi a referto, frutto di cinque vittorie e due patte.

Tutti e tre i nostri ragazzi che possono ambire ad arrivare nei primi posti delle diverse classifiche hanno vinto senza particolari problemi: Erick Marangone e Dario Isoardi negli Under 8, Ilaria Gnata negli Under 16 Femminili.

Sono tornati alla vittoria anche i nostri due Under 12: Fouad Moussadek ed Evelyn Odisio: Fouad andava in vantaggio di un pezzo all’inizio del mediogioco, riuscendo però a concretizzarlo nel punto pieno solo in finale; Evelyn invece vinceva un incontro che ha fatto rilevare diversi errori sia da una parte che dall’altra.

Hanno ottenuto infine una patta i due Under 14 Alessandro Gasparetto e Matteo Porrino; Alessandro, in buona posizione, decideva di sacrificare un pezzo per tre pedoni. Si arrivava in un finale con Alfiere e cinque pedoni per il nostro ragazzo, conto Alfiere, Cavallo e due pedoni per il suo avversario. Dopo alcune mosse in cui Alessandro non era molto preciso, l’avversario riusciva a pareggiare la posizione e l’incontro si chiudeva in parità. Matteo, invece, dopo un incontro indirizzato sui binari della tranquillità, lasciava purtroppo un pezzo in presa. Buon per lui che l’avversario non si accorgeva dell’opportunità e, dopo qualche altra mossa, i due giocatori si accordavano per la patta.

Sono usciti purtroppo sconfitti i due Under 10 Nizar Moussadek ed Emiliano Tiritan. Nizar commetteva un errore alla tredicesima mossa che gli costava un pezzo ed in seguito non riusciva, malgrado alcuni tentativi, a riequilibrare la posizione. Emiliano giocava invece troppo velocemente e perdeva dopo solo mezz’ora di gioco.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Sesto Turno

Piccola ripresa dei nostri ragazzi al sesto turno dei Campionati Italiani Giovanili di Chianciano Terme: la giornata fa registrare un 4/9, frutto di tre vittorie e due patte.

E’ tornato subito alla vittoria Erick Marangone negli Under 8; che così mantiene intatte le speranze di un ottimo piazzamento; anche Ilaria Gnata è riuscita senza troppa difficoltà ad avere la meglio, nel primo derby piemontese, sulla novarese Greta Brusati. A differenza dell’incontro vinto dopo circa quattro ore un mese fa a Vercelli, stavolta Ilaria ha sfruttato il ritardato arrocco dell’avversaria che le ha consentito grande libertà di movimento fino a guadagnare un pezzo con il conseguente abbandono di Greta. Ha ritrovato il punto pieno anche Alessandro Gasparetto, che pur non sfruttando un errore del suo avversario in apertura, riusciva ad imporre il proprio gioco e, grazie alla pressione sui pezzi dell’avversario, portava in porto l’incontro.

E’ finalmente arrivato un mezzo punto per Matteo Porrino (Under 14), che nel secondo derby piemontese del torneo, opposto al cuneese Alberto Caldera, sbloccava la propria classifica dopo un incontro senza particolari emozioni. Anche Nizar Moussadek (Under 10) otteneva una patta dopo un incontro nel quale, pur con un pezzo di vantaggio al costo di qualche pedone in meno, non riusciva a prevalere e gestiva bene un finale che lo vedeva con il solo Cavallo contro due pedoni avversari.

Brucia molto la sconfitta di Dario Isoardi negli Under 8, soprattutto per come è arrivata. Il nostro piccolo alfiere, infatti, in posizione nettamente favorevole (pezzo di vantaggio) toccava il proprio Re quando muoverlo non era la soluzione migliore ed era quindi costretto ad eseguire la mossa con il pezzo toccato. Dario perdeva il pezzo di vantaggio e restava con una posizione inferiore che non riusciva più a recuperare. Si è fermato anche il cammino di Emiliano Tiritan (Under 10), ma il risultato contro un giocatore sicuramente maggiormente esperto non deve ingannare, in quanto Emiliano ha in ogni caso disputato un buon incontro, con una buona apertura, un grave errore che gli costava un pezzo, ma anche un coraggioso attacco che gli dava un ottimo controgioco. Peccato che, concentrato sul proprio contrattacco, non abbia visto arrivare uno scacco matto. Sconfitti anche Evelyn Odisio e Fouad Moussadek (entrambi Under 12): la nostra ragazza giocava un incontro incredibile, nel quale non riusciva a concretizzare il vantaggio di un pezzo ottenuto in apertura; dell’incontro di Fouad va invece sottolineato l’impegno profuso dal giovane valmossese, a prescindere dal risultato finale, considerato che l’incontro è terminato dopo tre ore e mezza (per lui un record) a causa di una grave svista che gli ha compromesso quanto di buono fatto prima. Per Fouad i Campionati si stanno rivelando più complicati del previsto, ma siamo certi che lui abbia le possibilità per incrementare il punteggio nei tre turni che rimangono.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Quinto Turno

Quinto turno e giro di boa ai Campionati Italiani Giovanili di Chianciano Terme: gli incontri del pomeriggio ci danno però ben pochi motivi di soddisfazione. I nostri ragazzi chiudono con un complessivo 3 su 9 che è il risultato peggiore dall’inizio del torneo.

La copertina è meritatamente dedicata ad Emiliano Tiritan (Under 10) che, corredato di una eccezionale imperturbabilità a tutto il contorno della gara, timbrava la sua quarta vittoria consecutiva lasciando tutti a bocca aperta, anche per come arrivava il risultato. Emiliano sfruttava ottimamente l’anticipata attivazione della Donna del suo avversario fino ad intrappolarla con il proprio Cavallo. Con un Cavallo in meno alla sedicesima mossa, ma una Donna in più, il resto della partita era totalmente in discesa.

Seconda vittoria poi per Evelyn Odisio (Under 12 Femminile), mentre sono arrivate due patte da parte di Fouad Moussadek (Under 12) e di Ilaria Gnata (Under 16 Femminile). Fouad disputava una discreta partita, condizionata però dalla sua traballante struttura pedonale che non gli permetteva un gioco tranquillo; Ilaria invece era costretta a rifugiarsi nella patta dopo una cattura avventata che lasciava la sua Donna in una difficile e pericolosa posizione. Da Ilaria ci attendiamo ora una pronta ripresa nei turni successivi in modo che possa risalire verso le posizioni che le competono.

Doppia sconfitta per Dario Isoardi ed Erick Marangone negli Under 8. Niente è pregiudicato, ma ovviamente la strada diventa più difficile; spiace soprattutto che Erick, in prima scacchiera ed in diretta Internet, non abbia saputo far vedere il proprio valore, giocando troppo velocemente senza ponderare un poco le conseguenze delle proprie mosse.

Sono usciti sconfitti dal turno pomeridiano anche Nizar Moussadek (Under 10) ed Alessandro Gasparetto (Under 14), mentre Matteo Porrino (Under 14) ha dovuto fermarsi con il bye. In particolare Alessandro non giocava bene le fasi di apertura, rimettendoci un pedone: il suo avversario era bravo a mantenere il pur minimo vantaggio e trasformarlo in una vittoria.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Quarto Turno

Il turno mattutino del quarto giorno di gioco (unica giornata con doppio turno) dei Campionati Italiani Giovanili ci ha regalato altri cinque punti sui nove complessivi. Era Dario Isoardi a dare inizio alle danze, vincendo in modo dirompente dopo neanche mezz’ora di gioco. Anche Erick Marangone otteneva il punto pieno non molto tempo dopo, grazie ad una apertura ben giocata con la quale andava in vantaggio posizionale, cosa che evidentemente “preoccupava” il suo avversario che decideva per l’abbandono. I nostri due “ragazzi” del 2009 continuano così a punteggio pieno.

La terza buona notizia arrivava con l’uscita dalla sala di gioco di un sempre più sorprendente Emiliano Tiritan, che negli Under 10 infilava la terza vittoria consecutiva, non lasciando scampo al suo avversario, guadagnando nel mediogioco un Alfiere e capitalizzando il vantaggio nel modo migliore. Il suo compagno di torneo, Nizar Moussadek, lo imitava e dopo un’ora e mezza di gioco usciva anche lui vittorioso, malgrado un’apertura non perfetta, ma grazie ad una bella combinazione tattica nelle fasi finali dell’incontro.

Sembrava una mattinata da fuochi d’artificio, ma arrivavano le sconfitte di Evelyn Odisio (Under 12 Femminili) e di Matteo Porrino, il cui torneo sta purtroppo trasformandosi in un Everest da scalare: troppi gli errori disseminati nelle mosse dei due incontri per poter sperare in un esito diverso. Seguivano poi due patte: Fouad Moussadek (Under 12) ed Alessandro Gasparetto (Under 14). Né Fouad, né il suo avversario riuscivano veramente ad impensierirsi e la patta era il risultato più giusto; Alessandro, invece, dopo una buona apertura, per mancanza di sufficiente lucidità, ed anche della necessaria esperienza, non riusciva a sfruttare al meglio il suo vantaggio posizionale nelle fasi di mediogioco e di finale. Si chiudeva infine con l’inattesa sconfitta di Ilaria Gnata (Under 16 Femminile): la nostra giovane non recuperava da un’apertura giocata non correttamente, che le condizionava negativamente tutto il resto dell’incontro, malgrado i suoi sforzi per recuperare una posizione di parità.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Terzo Turno

Il terzo turno ai Campionati Italiani Giovanili ci ha portato 5 vittorie e 4 sconfitte: dagli incontri, disputati al mattino anziché al pomeriggio in modo da non concentrare tre turni uno in fila all’altro (nella giornata di domani è infatti previsto il doppio turno), usciva per prima dopo soli 45 minuti con il punto pieno Ilaria Gnata (Allievi Femminili). La notizia è effettivamente clamorosa, considerati i tempi medi delle sue partite (i primi due turni sono arrivati entrambi a quattro ore) ed è molto positiva per il morale, dopo la delusione di ieri. L’avversaria di Ilaria abbandonava infatti dopo poche mosse, quando commetteva un errore e la nostra ragazza ne approfittava prontamente, andando in vantaggio di un Alfiere. Poco dopo arrivavano le vittorie dei nostri due Under 10: Nizar Moussadek ed Emiliano Tiritan con due buone partite, vinte senza particolari problemi.

Le buone notizie non finivano qui ed anche i nostri due Under 8 guadagnavano il punto pieno, anche se con qualche difficoltà di troppo. Dario Isoardi commetteva quasi subito un errore che gli costava un Cavallo, ma poi si metteva d’impegno e prima recuperava il pezzo con gli interessi (Torre) e poi andava in vantaggio anche di un pedone portando a termine l’incontro. Erick Marangone si trovava di fronte ad un’apertura poco conosciuta e, pur giocando con buona attenzione, commetteva un errore di strategia; per sua fortuna il suo avversario non ne approfittava e, dopo il cambio dei pezzi, il nostro piccolo alfiere entrava in un finale che giocava ottimamente vincendo la partita. Per Dario ed Erick, a punteggio pieno insieme ad altri sei giocatori il vero torneo comincerà in pratica domani, quando errori come questi non saranno probabilmente perdonati.

Dopo queste belle notizie ne aspettavamo anche altre, ma invece arrivavano quattro sconfitte. Perdevano Evelyn Odisio (Under 12 Femminile) e Matteo Porrino (Under 14, che continua a non riuscire ad ingranare ed è purtroppo ancora fermo a zero punti), entrambi a causa di errori evitabili con maggior concentrazione. Sconfitte anche per Fouad Moussadek (dopo due ore e 45 minuti, ma l’incontro era già iniziato non bene nella fase di apertura) e per Alessandro Gasparetto, il cui impegno è da rimarcare, visto che anche oggi terminava dopo circa quattro ore di gioco, ma che purtroppo ha rovinato una buona posizione con un errore nella fase finale.

Bella iniziativa infine da parte dell’organizzazione, che ha permesso ad alcuni dei giovani partecipanti di sfidare in una partita lampo il MI Artem Gilevych ed il GM Roberto Mogranzini. Erick ed Emiliano non si sono fatti pregare ed hanno giocato contro il neo Maestro Internazionale.

- Campionati Italiani Giovanili 2017: Secondo Turno

Seconda giornata di gare ai Campionati Italiani Giovanili di Chianciano Terme, con i nostri ragazzi che ne escono con un buon risultato complessivo (5,5 su 9), ancorché velato dalla delusione per aver mancato un’importante – e soprattutto meritata – vittoria.

Andiamo con ordine: il primo punto della giornata arrivava ancora dal più piccolo della spedizione, Erick Marangone, che negli Under 8 chiudeva la sua pratica in solo mezz’ora: troppa la differenza tecnica con il suo avversario con Erick che guadagnava la Donna già alla dodicesima mossa. Era poi la volta di festeggiare, per i primi punti in un Campionato Italiano, Emiliano Tiritan, Evelyn Odisio e Fouad Moussadek. Emiliano (Under 10) ha disputato un incontro ben giocato, nel quale non ha mai avuto problemi ad imporre il proprio gioco; Evelyn (Under 12 Femminile) vinceva pur non disputando un incontro scevro da errori, mentre Fouad (Under 12) non aveva grosse difficoltà a fare sua la sfida. Per tutti e tre, in ogni caso, un’ottima iniezione di morale per i prossimi turni. Il quinto punto della giornata era portato da Dario Isoardi, uno degli ultimi a completare il suo incontro negli Under 8. Dario si trovava davanti un avversario di buon livello, il senese Negrini, e ne nasceva una sfida lunga (un’ora e quaranta minuti) e ben giocata da entrambi. Dario riusciva però a vincere il finale capitalizzando al meglio un pedone di vantaggio.

L’ultimo mezzo punto della giornata era di Alessandro Gasparetto, autore di una ottima prova negli Under 14 contro un avversario di Seconda Categoria Nazionale (il bergamasco Persico). Il nostro ragazzo usciva molto bene dalle fasi di apertura e andava in vantaggio di posizione; peccato per una successiva imprecisione che portava l’incontro sul piano della parità, un esito che – anche se comprensibilmente con molta difficoltà – il suo avversario doveva alla fine accettare.

Delle tre sconfitte di oggi merita un discorso a parte quella di Ilaria Gnata, in quanto è tanta la delusione per un punto letteralmente gettato alle ortiche in una sfida dall’alto tasso emotivo. L’avversaria di Ilaria era la pluricampionessa italiana Maria Palma, che da quest’anno ha deciso di lasciare il nostro circolo per andare a difendere i colori di un club di Roma. Non solo, va detto che le due ragazze si conoscono bene in quanto frequentano la stessa scuola nella medesima classe, anche se scacchisticamente parlando si sono comprensibilmente un poco perse di vista. Ilaria, con il Bianco, giocava una variante minore della Difesa Francese che metteva in difficoltà Maria, che doveva da subito lottare per cercare di mantenere una posizione inferiore. Purtroppo Ilaria non trovava la chiave per continuare il proprio attacco, né, dopo il cambio delle Donne, si avvedeva di una triplice ripetizione di posizione che le avrebbe consegnato una patta, comunque gradita, ma che le sarebbe in ogni caso stata un poco stretta. Maria, probabilmente avvedendosi dello scampato pericolo, provava a forzare, ma entrava in un finale inferiore, con un Cavallo ai margini della scacchiera impossibilitato a muoversi. Con le due giocatrici costantemente con pochissimo tempo sugli orologi, era Ilaria che prima non trovava la mossa vincente e successivamente non si avvedeva di un sacrificio di Cavallo che le avrebbe garantito la parità. Bastava una mossa errata, la sessantatreesima, e la posizione crollava definitivamente consegnando la vittoria a Maria. Per la nostra portacolori tanta delusione per un’occasione sciupata, ma anche la consapevolezza di aver lottato ad armi pari e aver messo in forte difficoltà un’avversaria a lei superiore sia di esperienza che di circa 200 punti ELO.

Sconfitte infine anche per Matteo Porrino (Under 14) e Nizar Moussadek (Under 10): Matteo disputava un buon incontro, vanificato da un grave errore tattico che gli è costato la perdita di una Torre e – di conseguenza – della partita; Nizar, malgrado aver giocato un’apertura quanto meno dubbia, riusciva a riportare l’incontro sui binari della parità, fino ad avere la possibilità di andare in netto vantaggio di materiale grazie ad una svista del suo avversario. Purtroppo Nizar gli rendeva il favore non approfittando dell’occasione e, una successiva svista gli costava l’incontro, che durava solo cinquanta minuti. Una maggiore attenzione e concentrazione avrebbe probabilmente cambiato l’esito finale.

- Campionati Italiani Giovanili 2017 - Primo Turno

E’ iniziata oggi la trentesima edizione dei Campionati Italiani Giovanili. Nella cornice dei parchi delle Terme di Chianciano (SI) sono sciamati ben 907 giocatori, che rappresentano di gran lunga il record assoluto di partecipazione, fermo fino ad ora agli 860 ragazzi di Courmayeur 2009. La prima impressione della struttura organizzativa è stata complessivamente positiva: adeguate le sale di gioco e partenza del primo turno con un ritardo decisamente accettabile se si considera l’elevatissimo afflusso di persone.

Non sono mancati i momenti di emozione alla partenza del turno tra i nostri giocatori (soprattutto per i debuttanti, ma ancor di più per le famiglie al seguito). Al termine della prima fatica il nostro circolo ha fatto registrare un buon 4,5/9. Hanno vinto Ilaria Gnata negli Allievi Femminili che ha dovuto però faticare circa quattro ore per avere ragione della sua avversaria, malgrado i quasi 400 punti di differenza; vittoria anche per Alessandro Gasparetto nel giorno del suo compleanno (auguri!) e successi per i nostri due Piccoli Alfieri Dario Isoardi ed Erick Marangone. Era Erick a portare il primo punto dei Campionati al nostro circolo, dopo circa mezz’ora di gioco, mentre Dario doveva aspettare un’oretta per chiudere la partita, da subito in discesa dopo essere andato in vantaggio di una Donna.

Il mezzo punto è invece arrivato dal debuttante Nizar Moussadek nel torneo Pulcini: risultato buono come prima prova, ma velato da un poco di rammarico perché l’incontro avrebbe potuto finire con il punto pieno. Nello stesso torneo doveva invece arrendersi un altro giovane alla sua prima esperienza: Emiliano Tiritan. Per lui un errore in apertura condizionava irreparabilmente il resto della partita; lo stesso accadeva anche per Matteo Porrino nel torneo Cadetti.

Sconfitte anche nei tornei Giovanissimi per gli ultimi due debuttanti: Fouad Moussadek commetteva verso la fine dell’incontro un errore che gli costava un pezzo: speriamo che la delusione per un possibile buon risultato possa tramutarsi in soddisfazione nel turno successivo. Evelyn Odisio, infine, opposta ad un’avversaria con già una discreta esperienza alle spalle, andava in svantaggio di materiale compromettendo il risultato dell’incontro.

Il secondo turno di lunedì pomeriggio avrà in programma un incontro che promette di essere altamente emozionante: la nostra Ilaria si troverà di fronte la Campionessa Italiana U14 in carica, quella Maria Palma che da quest’anno ha scelto di lasciare il nostro circolo per competere con i colori di un circolo di Roma.

- Campionati Italiani Giovanili 2017

E’ di nuovo l’ora dei Campionati Italiani Giovanili, con un’edizione che promette alla vigilia di passare alla storia grazie al record assoluto di giocatori iscritti: ben oltre 900 che polverizzano così il record di Courmayeur 2009. Il nostro circolo si appresta ad iniziare la trasferta con nove giovani, lo stesso numero dello scorso anno, un gruppo ribattezzato pertanto VM9.

Le maggiori speranze sono riposte nelle due categorie agli estremi: da un lato, nell’Under 16 Femminile, la neo Campionessa Regionale Assoluta Ilaria Gnata (decima nel 2016) avrà modo di sfidare alcune “vecchie conoscenze” e prendersi magari qualche rivincita, anche in considerazione del fatto che in quest’ultimo anno la nostra ragazza è cresciuta in modo costante (e il punteggio ELO è lì a dimostrarlo). Dall’altro capo del torneo, nell’Under 8 Assoluto, Dario Isoardi (terzo lo scorso anno ad Olbia) sarà ancora affiancato da Erick Marangone. In un gruppo dove le sorprese sono all’ordine del giorno (e il punteggio ELO è generalmente inversamente proporzionale al valore dei giocatori) entrambi i nostri ragazzi del 2009 hanno le doti per essere protagonisti. Il loro risultato non potrà non prescindere dal corretto approccio, in particolare a livello di concentrazione, ad ogni incontro, ricordandosi che si giocherà a tempo lungo….

Tornano a disputare i Campionati anche altri due ragazzi: Matteo Porrino ed Alessandro Gasparetto, impegnati nel complicato torneo Cadetti. Alessandro, in particolare, se affronterà le sfide con il giusto atteggiamento, potrà togliersi qualche soddisfazione: il suo ELO attuale non rispecchia la sua forza di gioco, di molto migliorata in questi ultimi mesi. Anche da Matteo ci aspettiamo il massimo impegno, ma soprattutto che riesca a mantenere durante tutti e nove i turni un’attenzione costante.

Chiudiamo con quattro giovani al debutto assoluto: l’impatto con i Campionati sarà sicuramente forte, soprattutto a livello emotivo, e questo sarà il primo scoglio da superare. Nel torneo riservato ai Giovanissimi (Under 12) faremo il tifo per Fouad Moussadek, mentre nei Pulcini (Under 10) seguiremo il fratello Nizar (per lui è anche il primo torneo ufficiale a tempo lungo) ed Emiliano Tiritan. Nei Giovanissimi Femminili, infine, giocherà Evelyn Odisio: anche per lei è il debutto a tempo lungo, per di più nel torneo che storicamente fa registrare il maggior numero di partecipanti.

Ad accompagnare i nostri ragazzi ci sarà il nostro Consigliere Elisabetta Celitoso, che seguirà principalmente la parte logistica, ed il Candidato Maestro Lorenzo Pedoni, che fornirà assistenza nella preparazione degli incontri.

Sulla pagina principale del nostro sito seguiremo giorno per giorno i risultati dei vari tornei: seguiteli insieme a noi facendo il tifo per i nostri giovani alfieri!

FORZA RAGAZZI!

- 2º Torneo dello Scoiattolo

Si è svolta in una splendida giornata di sole la seconda edizione del Torneo dello Scoiattolo, che ha visto 24 giocatori darsi appuntamento sulle rive del Laghetto di Candelo, ancora ospiti dell’Associazione NOSEA - Amici di Marco Bettin. La manifestazione non ha mancato di riservare alcune sorprese, soprattutto nella classifica finale, che ha visto trionfare a punteggio pieno (6 su 6) il Candidato Maestro Dario Borghi, non il giocatore che ti aspetti in un torneo a cadenza rapida. Dario, però, è riuscito nell’impresa di superare tutti gli avversari che gli si sono parati davanti, tra i quali anche il Maestro Giovanni Siclari, lui sì il favorito della vigilia, che ha invece dovuto accontentarsi del secondo posto con 5 punti. Alle loro spalle, con 4,5 punti, un altro specialista di questi tornei: l’occhieppese Giorgio Valenzano. Al termine delle sfide che si sono svolte sotto gli ombrelloni ed i gazebo approntati per riparare i giocatori dal caldo sole di giugno, la premiazione è stata anche l’occasione per fare un grosso “in bocca al lupo” ai giovani presenti che tra un paio di settimane saranno impegnati ai Campionati Italiani Giovanili di Chianciano Terme.

- 4º Torneo Internazionale “Città di Vercelli”

Il Torneo Internazionale organizzato dagli amici del Circolo Scacchistico Vercellese è giunto alla sua quarta edizione. Sempre intitolato alla Città di Vercelli e disputato presso i locali del Vercelli Palace Hotel, anche quest’anno ha potuto contare su un numero di partecipanti più che dignitoso, tra i quali erano presenti molti nostri soci.

Tre dei nostri soci più giovani hanno preso parte al Torneo Under 16 “Vercelli Palace Hotel” insieme ad altri cinque giovanissimi. Il migliore tra di loro è stato Emiliano Tiritan, giunto terzo con 3 punti su 5 (nella foto, premiato dal vincitore dell'Open A, il GM sudafricano Kenny Solomon), a pari merito con il torinese Luca Daniel Iosipescu, entrambi distanziati di un punto dal vincitore Stefano Bertola (al suo primo torneo, complimenti!). Emiliano è riuscito a uscire indenne da un paio di situazioni ingarbugliate vincendo entrambi gli incontri e ciò va a suo onore… ma sarebbe sicuramente stato meglio che non ci fosse finito! Peccato per Erick Marangone, che partiva domenica mattina con 2,5 punti (su 3) e con tutte le possibilità di fare suo il torneo, ma purtroppo la fretta, da sempre cattiva consigliera, lo portava a due sconfitte che gli valevano il quarto posto finale. Sesto posto infine per Matteo Porrino, sempre con 2,5 punti: anche da lui – soprattutto per la trasferta ai Campionati Nazionali – ci aspettiamo una maggiore concentrazione.

Nell’Open principale l’unico nostro socio iscritto era Dario Borghi, al debutto in un torneo a tempo lungo dopo la promozione a Candidato Maestro. Dario ha limitato i danni, terminando sedicesimo con 2 punti (una vittoria e due patte), un bottino che poteva essere sicuramente migliore con maggiore attenzione.

Il gruppo più nutrito di soci era schierato nell’Open B, dal quale sono arrivate complessivamente buone notizie. Ha sfiorato il colpaccio Ilaria Gnata (3,5 punti), sesta assoluta, che aveva fatto sperare in un grande piazzamento dopo essersi presentata al quarto turno con tre vittorie a giocarsi con Bruno d’India la possibilità di andare sul podio, essendo gli unici due giocatori a punteggio pieno. Peccato per una forzatura in un finale patto che non le lasciava scampo. Ilaria pattava poi l’ultimo incontro, in posizione favorevole, non volendo rischiare oltremodo. La performance di 1790 conferma la crescita della nostra giovane e la avvicina un poco di più al traguardo della Prima Categoria Nazionale.

Settimo posto assoluto per Davide Moratto, autore di un eccellente torneo (era il numero 22 di tabellone). Partito con il botto (vittoria contro il numero 1 di tabellone, il casalese Paolo Lucchese), Davide veniva sconfitto dal CM Claudio Raselli, per poi chiudere con due vittorie ed una patta, cosa che gli ha anche portato un buon bottino di punti ELO.

Tra i giocatori premiati nelle fasce di punteggio di competenza troviamo anche Stefano Lavino. In un torneo che, più che internazionale, gli sarà parso un Sociale, Stefano ha pattato con Squara e superato Colpo e – soprattutto – Rocchi, venendo sconfitto solo dal vincitore del torneo Giuseppe Mantovan. La patta con Enrica Carando (non un Sociale, ma un Interprovinciale!) gli ha consegnato il 17º posto conclusivo con 3 punti.

Tornei più difficili per Enrico Rocchi, Marco Squara e Davide Colpo: per motivi diversi hanno ottenuto risultati che sicuramente non li possono soddisfare, mentre sostanzialmente in linea con le aspettative è stato il percorso di Domenico Cognata. Chi invece ha confermato i suoi recenti miglioramenti è stato Alessandro Gasparetto, capace di vincere un bel finale contro l’esperto Pierluigi Biava, ma anche di perdere maldestramente dopo poco tempo i due incontri successivi, per poi giocare una buona sfida contro Lodewyk Coqueraut e superare all’ultimo turno nel derby Davide Colpo grazie a un buon incontro. Con tutti i limiti di esperienza del caso, se Alessandro riuscirà a giocare in modo concentrato, potrà sicuramente togliersi qualche soddisfazione ai Nazionali Giovanili.

Anche quest’anno, infine, era presente a Vercelli un altro nostro socio: l’Arbitro Nazionale Antonello Migliorini che ha diretto la manifestazione, coadiuvato dall’Arbitro Candidato Nazionale biellese Valerio Boggio.

- 12º Semilampo “Valdengo in Festa”

Il torneo “Valdengo in Festa” è uno dei “semilampo” più longevi del nostro circolo e quest’anno è giunto alla dodicesima edizione. Il nostro circolo va sempre volentieri a giocare nell’ambito dei festeggiamenti organizzati dal Gruppo Amici Sportivi di Valdengo ed anche quest’anno ha cercato il modo per inserire il torneo in un periodo che in questi ultimi anni è diventato particolarmente complicato. La scelta è caduta sulla giornata di domenica, anziché il sabato classico: ciò non di meno la partecipazione è stata ottima, con 25 giocatori, malgrado alcune defezioni a causa di impegni concomitanti. Tra i presenti partiva con il numero 1 di tabellone il Candidato Maestro Matteo Migliorini, cosa che ha onorato vincendo la manifestazione con un perentorio 6 su 6, malgrado il “semilampo” non sia mai stata la sua cadenza preferita. Seconda piazza per Giorgio Valenzano con 5 punti, sconfitto solo da Migliorini, mentre ottimo terzo si è classificato Matteo Sunder (4 punti, sconfitte con i primi due della classifica), che ha preceduto per spareggio tecnico altri cinque giocatori, tra i quali il CM Dario Borghi, autore di un partenza ad handicap a causa di una sorprendente sconfitta al primo turno da parte di Massimo Perino, al suo debutto in una competizione di questa tipologia.

- Il GM Miroljub Lazic si aggiudica il “Renato Morgante”

Anche la quarta edizione del Memorial “Renato Morgante”, disputata a Lenta domenica scorsa, ha confermato il successo di questa manifestazione tra gli scacchisti, con 76 partecipanti presenti nella Palestra Comunale del paese immerso nella Baraggia Vercellese. Il numero, inferiore rispetto a quello della scorsa edizione, ha risentito un poco di concomitanze scacchistiche (su tutte, la finale del Trofeo Scacchi Scuola, alla quale hanno partecipato anche nostri soci) ed extra-scacchistiche (si sa che Maggio è mese di Prime Comunioni); ciò nonostante il tasso tecnico dei partecipanti è risultato particolarmente elevato, con un Grande Maestro, sei Maestri Internazionali, due Maestri FIDE e complessivamente 23 giocatori con un ELO Rapid FIDE superiore a 2000 punti. Il torneo non ha lesinato sorprese ed incontri disputati sul filo dei secondi: la vittoria è andata al GM Miroljub Lazic, numero uno del tabellone, con 7,5 punti su 9, che ha preceduto ben quattro giocatori con 7 punti. Tra di loro lo spareggio tecnico ha premiato il MI Daniele Genocchio, sempre presente a Lenta e sempre sul podio (due secondi posti e due terzi posti), con terzo classificato il MI Luca Moroni. Quarto posto per il MF Sergejs Gromovs e quinto per il Candidato Maestro Cristiano Quaranta (numero dodici di tabellone).

Primo dei nostri soci è stato il Maestro Giovanni Siclari, ottimo ottavo e primo dei giocatori a 6 punti; niente male anche il neo Candidato Maestro Dario Borghi, diciannovesimo a 5,5 punti. Proprio Dario, insieme a Lorenzo Bardone, recentemente diventato Maestro, sono stati premiati con una targa da parte del circolo, come è tradizione per le promozioni alle categorie magistrali dei nostri soci.

Particolari ringraziamenti vanno alla ditta Aedì Riso Morgante, che con Alessio Albertino ha voluto fortemente questa manifestazione e da quattro anni ne permette la realizzazione, all’Amministrazione Comunale di Lenta, in particolare nella persona del Sindaco Giuseppe Rizzi, alla Pro Loco di Lenta per la collaborazione nell’allestimento della sala ed agli amici del Circolo Scacchistico Vercellese per il supporto con il materiale scacchistico.

- Campionato Regionale Giovanile: doppio successo!

Dopo tre anni il nostro circolo può festeggiare di nuovo due titoli regionali individuali giovanili: si sono infatti disputati domenica scorsa i Campionati Regionali Giovanili a Mombaruzzo (stessa sede dello scorso anno, ma quest’anno senza la giornata soleggiata che nel 2016 aveva permesso di sostare all’esterno) con la presenza di circa 110 giocatori e i nostri ragazzi hanno ottenuto due titoli assoluti (Allievi e Piccoli Alfieri) ed un secondo posto (Piccoli Alfieri).

Tra i più piccoli, gli Under 8, abbiamo quindi bissato il successo dello scorso anno di Dario Isoardi: è stato il cossatese Erick Marangone a succedergli, con 5 punti su 6, dopo un torneo ben disputato, ancorché con ancora qualche frenesia di troppo nell’effettuare le mosse. Erick è giunto in classifica a pari merito con il varesino Riccardo Soncin (classe 2011!) che formalmente ha vinto in torneo in virtù dello scontro diretto, l’unico incontro perso dal nostro ragazzo, ma non ha potuto fregiarsi del titolo essendo tesserato per un circolo lombardo. La sconfitta di Erick al secondo turno è stata poi “vendicata” da Dario Isoardi all’ultimo turno: peccato che nel suo percorso Dario avesse lasciato per strada un punto e mezzo in modo abbastanza inatteso. Ciò nonostante Dario ha potuto raggiungere con 4,5 punti un terzo posto (secondo nella classifica regionale) staccando di mezzo punto gli immediati inseguitori. Per Erick e Dario la conferma delle loro potenzialità, che dovranno affiancare ad una maggior calma nello svolgimento delle partite se vorranno essere grandi protagonisti ai prossimi Campionati Italiani.

Il secondo titolo conquistato dai nostri ragazzi è arrivato dalla categoria Under 16, dove gareggiava Ilaria Gnata. Poiché il torneo si è disputato accorpando quello assoluto e quello femminile, Ilaria, che lo ha dominato, si è aggiudicata il titolo di Campione Assoluto (e non femminile), in virtù delle previsioni regolamentari attualmente in vigore. La nostra ragazza ha terminato con 4,5 punti su 5 dimostrando una netta superiorità rispetto agli avversari e riuscendo a ben gestire la cadenza rapida che le è sempre stata un poco indigesta.

Tra gli altri giovani presenti a Mombaruzzo il risultato migliore è stato quello di Fouad Moussadek, che tra gli Under 12 è giunto quinto con 4 punti (3 vittorie, 1 bye e due sconfitte). Partito con il bye, Fouad vinceva le restanti due partite del mattino, ma doveva alzare bandiera bianca nelle prime due del pomeriggio, quando si è trovato davanti i due favoriti del torneo (poi infatti giunti secondo e terzo): Demetrio Buffa e Luca Zavattero. Se le due sconfitte erano ampiamente preventivate, considerata l’esperienza e la qualità degli avversari, non è stato scontato il modo in cui sono arrivate: infatti Fouad le ha affrontate senza la necessaria concentrazione, regalando in finale un pezzo a Buffa e non entrando mai veramente in partita contro Zavattero. Per fortuna il nostro giovane si riprendeva e vinceva l’ultimo incontro. Nello stesso torneo era anche impegnato Simone Gallo: per lui 3 punti, ma la troppa fretta nell’esecuzione delle mosse lo ha sicuramente limitato nel risultato finale.

Nella categoria Under 10 bel torneo per Emiliano Tiritan, giunto ottavo con 4 punti nel girone che vedeva accorpato il campionato assoluto e quello femminile: i costanti progressi fatti vedere da Emiliano negli ultimi tornei si sono visti anche a Mombaruzzo. Nello stesso torneo buon risultato (3 punti e dodicesima posizione) per Nizar Moussadek, che gioca ancora a corrente alternata, passando da incontri ben giocati ad altri con errori frutto di fretta e poca concentrazione.

Nessuno dei nostri giovani Under 14, infine, era iscritto al relativo torneo: peccato, anche loro avrebbero avuto ottime possibilità di ben figurare.

- Lorenzo Pedoni vince a Verbania!

La prima edizione del Torneo di Primavera – Città di Verbania, terminata oggi nella città in riva al Lago Maggiore è andata in archivio con la vittoria del nostro Candidato Maestro Lorenzo Pedoni. Il giovane di Ponderano, numero uno del tabellone, si è imposto con 4,5 punti su 5 incontri, dopo un filotto di quattro vittorie (particolarmente interessante e combattuta quella del terzo turno contro Mauro Maffeo) ed una patta conclusiva. Con questo risultato Lorenzo ritorna sopra quota 2000 punti nell’ELO Live: in questo momento, quindi, tutti i ragazzi del gruppo “storico” hanno punteggi superiori a “quota CM”, in attesa che le nuove leve li raggiungano. Alle loro spalle, infatti, c’è un significativo “vuoto” poiché nessun altro socio ha ora valori che superano i 1800 punti.

- Dario Borghi è Candidato Maestro!

L’aggiornamento dei punteggi ELO di maggio ha confermato il passaggio a Candidato Maestro di Dario Borghi, che ha raggiunto i 2015 punti grazie ai bellissimi risultati ottenuti negli ultimi tornei: l’Interprovinciale di Biella e Vercelli e – soprattutto – il Campionato Italiano a Squadre di Serie C a Santa Margherita Ligure. Con questa promozione tutti i ragazzi che negli ultimi anni, crescendo, ci hanno regalato tante soddisfazioni sono quindi passati alle categorie magistrali. Auguriamo a Dario di poter migliorare ancora il punteggio attuale, un obiettivo che è alla sua portata e che potrà essere raggiunto solo se il giovane cossatese riuscirà a metterci l’impegno e l’attenzione dovuti. Per il momento il Direttivo del Circolo e tutti i soci si uniscono per congratularsi con il nuovo Candidato Maestro.

- Il 5 per mille allo Scacchi Club Valle Mosso

Come già avvenuto negli anni scorsi, anche per il 2017 è possibile destinare il 5 per mille dell’IRPEF al nostro circolo, sostenendolo nelle sue attività. E’ quindi sufficiente apporre la propria firma nello spazio riservato al “Sostegno alle Associazioni Sportive Dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal CONI…” della dichiarazione dei redditi, indicando il nostro codice fiscale: 92007160028. Ricordiamo che tale scelta non modifica l’importo delle imposte dovute dal contribuente.

Lo Scacchi Club Valle Mosso ringrazia tutti coloro che negli anni scorsi hanno già destinato il 5 per mille a nostro favore, nonché tutti coloro – e speriamo siano sempre di più – lo vorranno fare quest’anno. Anche così è possibile aiutare il vostro circolo. GRAZIE!

- Campionato Italiano a Squadre - Ultimo Turno

Con il quinto ed ultimo turno disputato domenica scorsa è calato il sipario anche quest’anno sul Campionato Italiano a Squadre. Detto dei grandi risultati ottenuti dalle nostre squadre nelle Serie A1 (salvezza conquistata) e Serie C (promozione in Serie B), ha chiuso con un risultato di tutto rispetto anche la compagine impegnata nella Serie Promozione, Girone 2. La squadra capitanata da Stefano Lavino ha infatti superato nell’ultimo incontro il circolo di Borgomanero per 3-1 piazzandosi ottima seconda con 5 punti alle spalle di Verbania e con un poco di rammarico per non esser riusciti a superarli al primo turno nello scontro diretto (terminato in parità), cosa che avrebbe cambiato le sorti della classifica.

Nell’ultimo turno l’unica sconfitta è arrivata da Fouad Moussadek che contro Giulio Strigini (ELO 1570) andava coraggiosamente all’attacco dell’arrocco avversario sacrificando un pezzo. La difesa dell’avversario era però precisa, forzando il cambio delle Donne prima e restituendo il pezzo di vantaggio poi, fino a ritrovarsi in un finale di Torri e pedoni in cui riusciva a prevalere. Vittoria invece per Domenico Cognata su Luca Pontiroli (ELO 1531) dopo un incontro sostanzialmente equilibrato. La struttura pedonale leggermente migliore di Domenico, abbinata ad una forte iniziativa di Torre e Donne sull’ultima traversa, gli permettevano di chiudere i giochi costringendo l’avversario all’abbandono. Punto pieno anche per Riccardo Roma, al suo esordio quest’anno nella squadra, opposto ad Aldo Folli (ELO 1508): l’incontro si metteva subito bene con il guadagno della qualità. Successivamente Riccardo riusciva anche ad andare in vantaggio di tre pedoni, imponendo una netta supremazia che obbligava all’abbandono il suo avversario. Più combattuta invece è stata la sfida tra Stefano Lavino ed Alberto Montibelli (ELO 1902), con una posizione di mediogioco molto bloccata e caratterizzata dalla presenza di tutti i pedoni sulla scacchiera. Stefano, forte del fatto che la patta sarebbe stata sufficiente per la vittoria di squadra, cambiava i pezzi entrando in un finale di Alfieri dello stesso colore, ma in svantaggio di un pedone. Mentre Montibelli provava a forzare portando il proprio Re all’attacco, Stefano riusciva ad passare con in proprio Alfiere dietro i pedoni avversari minacciandone la cattura e ottenendo il punto pieno.

Giornata di riposo infine per la seconda squadra impegnata nel Girone 4 di Serie Promozione, che – come noto - non aveva ambizione alcuna di classifica. I giovanissimi guidati da Luigi Isoardi hanno comunque avuto modo di aumentare il proprio bagaglio di esperienza confrontandosi con giocatori ovviamente più esperti, dimostrando in alcuni casi ottima tenacia. L’analisi delle sconfitte subìte potrà sicuramente essere utile per la loro crescita futura.

- TSS: Campionato Regionale

E’ stata quasi sicuramente una delle edizioni più travagliate di quelli che una volta si chiamavano Campionati Giovanili Studenteschi e che da quest’anno hanno cambiato nome in Trofeo Scacchi Scuola. L’ingresso del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca (MIUR) nelle fasi provinciali e regionali, spesso solo sulla carta, ha portato a ripetute modifiche dei regolamenti, tra l’altro con la creazione di due nuove categorie per le scuole secondarie inferiori dove ce n’era una soltanto, aumentando il disorientamento anche tra gli addetti ai lavori. Solo i tornei delle primarie (al di fuori della competenza MIUR) non hanno subito particolari variazioni.

Lunedì scorso il Trofeo Scacchi Scuola ha visto lo svolgimento della fase regionale, disputata a Cuneo, con la presenza di numerose squadre provenienti da tutto il Piemonte, comprese anche le otto squadre qualificate alla nostra fase provinciale. E dal bailamme del Palasport di Cuneo è arrivata la bella notizia della vittoria, nella categoria Juniores (maschile/mista), della squadra dell’Istituto Tecnico Industriale “Quintino Sella” di Biella, composta da ragazzi che ben conosciamo: in ordine di scacchiera, Andrea Frassà, Lorenzo Pedoni, Ludovico Carraria Martinotti e Giulio Sunder. I quattro giovani non hanno avuto grossi problemi a superare gli avversari, collezionando quattro vittorie ed un pareggio. Da segnalare la bella e veloce vittoria di Lorenzo, in una sfida tra Candidati Maestri, contro Diego Forno. La squadra dell’ITI ha così staccato il biglietto per le finali nazionali di Montesilvano che si svolgeranno ai primi di maggio. E’ la seconda volta che i ragazzi dell’ITI conquistano il titolo regionale: la prima volta è stata nel 2015 nella categoria Allievi.

Ed è in quest’ultima categoria che a Cuneo si è cimentata la squadra del Liceo Scientifico “Amedeo Avogadro” di Biella capitanata da Davide Colpo, che seppur rimaneggiata e con la presenza di una sola componente avvezza alle competizioni (Ilaria Gnata) è riuscita ad ottenere un ottimo quarto posto, mancando di poco la qualificazione. Insieme ad Ilaria hanno giocato Alberto Farasin, Gregorio Iannacone e Francesco Perino, ottenendo complessivamente 6 punti (due vittorie, due patte ed una sconfitta).

Nessun risultato di particolare rilievo infine per le sei squadre delle scuole primarie (tre maschili/miste e tre femminili); anche la compagine di Valle Mosso, composta da giocatori soci del nostro circolo (Cusinato, Moussadek, Broglio, Karthikeyon e Toffetti) e che aveva dominato la fase provinciale, ha ottenuto risultati al di sotto delle aspettative della vigilia. Va comunque segnalato sia l’impegno che il comportamento che tutti i giocatori hanno messo in campo e per questo bisogna fare i complimenti, oltre alla citata Valle Mosso, anche alle squadre maschili/miste di Zumaglia e di Ronco di Cossato, nonché alle femminili di Valle Mosso, Vigliano Biellese Amosso e Ronco di Cossato.

- Campionato Italiano a Squadre: la squadra promossa in Serie B

E’ stata la seconda promozione in due anni nel Campionato Italiano a Squadre per una squadra del nostro circolo: dopo quella ottenuta dalla prima squadra lo scorso anno (dalla Serie A2 alla Serie A1) è arrivata quella della nostra seconda squadra dalla Serie C alla Serie B. Si tratta di una promozione attesa da quattro anni, da quando quattro giovani ci riportavano in Serie C dalla Promozione. E’ interessante notare che tre dei quattro componenti della squadra di Promozione del 2013 sono ora i componenti della prima squadra e sono stati tra gli artefici della promozione dello scorso anno: è una dimostrazione della grande crescita dei nostri giovani nel corso degli ultimi anni.

Ecco chi sono i quattro giocatori che ci hanno regalato questa nuova soddisfazione, peraltro dominando il proprio girone (10 punti squadra su 10, 18,5 punti individuali su 20):

Stefano Bazzeato: Candidato Maestro, è il “veterano” del gruppo. Stefano ha ripreso a giocare in modo maggiormente continuativo da un paio di anni e si è recentemente imposto sia nel Torneo Sociale che nel nostro Torneo di Fine Anno. A Santa Margherita Ligure ha terminato con 5 su 5, impressionando per la calma olimpica con cui ha affrontato ogni momento degli incontri disputati, giocando con grande precisione.

Lorenzo Pedoni: Candidato Maestro, classe 1999, è la dimostrazione che con l’applicazione si possono anche guadagnare oltre 600 punti in cinque anni. Lorenzo ha ancora grandi margini di miglioramento e anche lui avrebbe ottenuto un 5 su 5, se non fosse stato costretto a pattare un incontro per il bene della squadra, giocando molto bene sia tecnicamente che tatticamente.

Dario Borghi: classe 2000, genio e sregolatezza. Genio, perché quando decide di giocare come sa, è capace di disputare partite eccezionali; sregolatezza, perché talvolta si mette a giocare partite eccezionali solo quando deve tirarsi fuori dai pasticci in cui si è cacciato dopo un avvio di partita poco “ispirato”. Anche a Santa Margherita Ligure si sono viste le due facce di Dario: il genio ha prevalso e il giovane cossatese ha vinto tutti gli incontri, ottenendo anche i punti ELO necessari per ottenere prossimamente il titolo di Candidato Maestro.

Ilaria Gnata, classe 2002, alla prima esperienza da titolare nella squadra di Serie C. La crescita di Ilaria è impressionante, sia sotto il profilo tecnico che sotto il profilo mentale: tecnicamente il guadagno di oltre 400 punti in poco più di due anni parla da solo; mentalmente, la maggior sicurezza nei propri mezzi sta andando di pari passo con la determinazione che mette sulla scacchiera. Anche per lei i margini di crescita sono amplissimi: con una preparazione specifica potrà togliersi (e regalarci) molte altre soddisfazioni.

A loro rinnoviamo i complimenti ed i ringraziamenti per il successo raggiunto, consapevoli che l’anno prossimo il loro compito sarà di gran lunga più difficile, ma consapevoli anche che tra un anno la loro forza di gioco sarà superiore.

- Campionato Italiano a Squadre: Terzo Turno

Nel fine settimana monopolizzato dai raggruppamenti delle serie maggiori si è anche disputato il terzo turno dei gironi di Serie Promozione, dove sono impegnate le altre due nostre squadre.

Valle Mosso 1, impegnata a Novara con la Novarese 2, ha conquistato una bella vittoria per 3-1. In prima scacchiera Stefano Bozio Madè aveva ragione di Flavio Pivari, che in un incontro fondamentalmente equilibrato tentava un sacrificio di pezzo che non portava al risultato sperato, spalancando le porte della vittoria a Stefano. In seconda scacchiera Domenico Cognata era opposto alla giovane Greta Brusati: il nostro socio andava in vantaggio di un pedone, che conservava fino al finale dopo aver cambiato i pezzi ottenendo così la vittoria. Sconfitta invece per Davide Colpo, che dopo non essere uscito bene dall’apertura perdeva nel mediogioco un pezzo rimasto sospeso, consegnando la vittoria a Chiara Cucchi. Successo infine per Fouad Moussadek, che guadagnava un pezzo in apertura mantenendo poi il vantaggio contro Emanuele Ciavarelli per tutta la partita.

Sconfitta infine per Valle Mosso 2 contro Ciriè Bianca, una delle squadre che potenzialmente possono puntare alla serie superiore. Nulla hanno potuto i nostri giovanissimi Erick Marangone, Simone Gallo, Emiliano Tiritan e Nizar Moussadek contro gli esperti ciriacensi, ma – come piú volte sottolineato – l’importante è per loro giocare e aumentare la propria esperienza.

- Campionato Italiano a Squadre - Valle Mosso promossa in Serie B!

Alla fine, al quarto tentativo in Serie C, la nostra seconda squadra è riuscita nell’impresa di conquistare una meritatissima promozione in Serie B. Dopo due secondi ed un terzo posto, ecco una vittoria che riporta indietro il tempo all’anno 2005, l’ultima volta in cui abbiamo potuto seguire una squadra in Serie A1 ed una in Serie B.

Approfittando della presenza della prima squadra al Raggruppamento di Santa Margherita Ligure, quest’anno si è deciso di disputare con la formula week-end anche la Serie C, in modo da ottimizzare gli impegni scolastici dei giocatori ed aumentare lo spirito di squadra. E poi, come noto, la riviera ligure, che sia di Levante o di Ponente, al nostro circolo ha sempre portato bene, con diversi successi ottenuti ad Imperia, Recco ed anche nella stessa Santa Margherita Ligure.

La squadra, capitanata da Antonello Migliorini e formata dal CM Stefano Bazzeato, dal CM Lorenzo Pedoni, da Dario Borghi e da Ilaria Gnata (con Giulio Sunder e Matteo Sunder pronti a subentrare in caso di necessità) partiva con buone speranze, anche se sulla carta doveva rendere diversi punti ELO agli avversari. Il girone in cui eravamo stati inseriti, il numero 3, presentava ai nastri di partenza tre formazioni piemontesi e tre formazioni liguri: il primo turno era subito probante in quanto i nostri avversari erano gli amici del circolo di Omegna, con i quali ci siamo più volte confrontati dando vita ad incontri avvincenti. Il primo punto del torneo arrivava grazie ad Ilaria Gnata in quarta scacchiera, che faticava con l’esperto Mauro Maffeo (ELO 1727) resistendo in una posizione inferiore. La sua costanza veniva involontariamente premiata da una svista dell’avversario che perdeva un pezzo ed un poco più avanti si trovava costretto all’abbandono. Si chiudevano poi quasi contemporaneamente gli incontri di Stefano Bazzeato e di Lorenzo Pedoni: il primo, opposto al CM Enzo Minerva (ELO 1927), migliorava mossa dopo mossa la propria posizione fino a costringere l’avversario all’abbandono; il secondo lanciava un fortissimo attacco all’arrocco di Luciano Fattorelli (ELO 1868) contro cui nessuna difesa era possibile. Restava Dario Borghi in terza scacchiera, impegnato da Alberto Buzio (ELO 1818): il giovane cossatese provava in tutti i modi a vincere la propria posizione, cosa che gli riusciva solo quando Buzio, in un attimo di distrazione, oltrepassava il tempo ancora disponibile. 4-0: partenza con il piede giusto, non solo per il risultato, ma soprattutto per la dimensione dello stesso contro una delle squadre che alla vigilia consideravamo tra le più pericolose.

Il secondo turno ci vedeva di fronte alla Sammargheritese 2, la squadra di casa. Il pericolo veniva dall’essere noi, questa volta, sulla carta più forti e quindi di sottovalutare gli incontri. I nostri giocatori però non commettevano questo errore. La sfida andava subito in discesa, quando emergeva che i nostri avversari avevano invertito i giocatori in seconda e terza scacchiera: l’errore faceva finire anzitempo gli incontri con le vittorie a tavolino di Pedoni e Borghi. In quarta scacchiera Gnata, che normalmente gioca meglio contro giocatori più forti, si complicava la vita perdendo un pedone sull’ala di Donna contro Franco Vaccaro (ELO 1543), ma riusciva a riorganizzarsi centralizzando il Re e riuscendo a cambiare le Torri, minacciando seriamente di portare un pedone a promozione, cosa che faceva decidere l’abbandono al suo avversario. In prima scacchiera Bazzeato aveva infine ragione di Alberto Baldi (ELO 1712) con calma e precisione. Ancora 4-0: tutto bene, ma l’ostacolo più grande doveva ancora arrivare.

Nel terzo turno, sabato pomeriggio, si disputava il secondo derby piemontese, contro la squadra di Novi Ligure, che a sorpresa si presentava con solo tre giocatori. Partendo dall’uno a zero, era Dario il primo a terminare contro Giuseppe Rapetti (ELO 1736); il nostro giocatore si complicava la vita lanciandosi in un coraggioso attacco con i pedoni sul lato di Re, con la conseguenza di sguarnire totalmente il proprio arrocco. Il suo avversario cercava un contrattacco sul Re di Dario ed il giovane cossatese doveva riflettere a lungo prima di decidere quale difesa attuare. La scelta di rivelava ottima, il contrattacco veniva sventato con il cambio di Donna e Torri e, grazie al proprio Re ormai al centro della scacchiera, diventava facile condurre in porto la partita. Un altro punto nel carniere, ma quanta sofferenza! In prima scacchiera Stefano macinava il proprio gioco, sicuramente non esplosivo, ma di una precisione assoluta. Il guadagno di un pedone contro Massimo Porzio (ELO 1838) gli schiudeva le porte del finale, nel quale il suo avversario decideva per l’abbandono. Ultimo incontro a terminare quello di Lorenzo contro Ettore Isolabella (ELO 1905), la partita maggiormente equilibrata delle tre, con il nostro giovane CM che riusciva, con molta pazienza, a entrare nelle difese avversarie con il proprio Cavallo costringendo Isolabella ad arrendersi. Terzo 4-0 consecutivo e vetta solitaria della classifica per il concomitante pareggio del Centurini Genova, ferma a 5 punti.

La vittoria al quarto turno nello scontro diretto con il Centurini ci avrebbe di fatto promosso in Serie B con un turno di anticipo. La squadra di Genova era alla vigilia quella, ELO alla mano, maggiormente favorita per la vittoria finale: l’incontro più difficile era quello di Ilaria contro Luca Dormio (ELO 1823) al quale la nostra ragazza rendeva circa 200 punti. Una imprecisione della nostra portacolori faceva guadagnare prima un pedone e poi un Alfiere all’avversario, che manovrava con precisione fino all’abbandono di Ilaria. Per la prima volta l’inizio era quindi in salita, ma le notizie che arrivavano dalle altre scacchiere garantivano un certo ottimismo. In terza scacchiera Borghi dimenticava l’incontro del turno precedente e contro Roberto Del Noce (ELO 1870) si vedeva il Dario versione Magistrale, quel Dario che con una maggiore continuità avrebbe ormai raggiunto da tempo la categoria magistrale. Il nostro ragazzo si scatenava lanciando un entusiasmante attacco all’arrocco dell’avversario con quasi tutti i pezzi a disposizione. Del Noce si ritirava progressivamente con il risultato di avere, mossa dopo mossa, sempre meno spazio di manovra. Con le mosse decisive Dario scardinava il bunker del giocatore genovese, uscendone con una Torre che poteva liberamente muoversi dietro i pedoni avversari facendone incetta e costringendo l’avversario all’abbandono: uno pari. Mentre Lorenzo Pedoni stava cercando di entrare dietro le linee di Andrea Carosso (ELO 1996, di fatto l’incontro maggiormente equilibrato), era in prima scacchiera che Stefano Bazzeato costruiva il suo personale capolavoro contro il CM Daniele Cantoro (ELO 2153). Protagonista della vittoria era uno dei Cavalli di Stefano, che con mosse particolarmente precise e potenti riusciva a limitare i movimenti delle Torri dell’avversario. In seguito Stefano portava entrambe le proprie Torri in settima traversa, guadagnando il pedone f7 ancora grazie ad un attacco coordinato con il Cavallo. Alla mossa successiva (ancora di Cavallo!) a Cantoro non restava che abbandonare: due a uno per noi. A mezzo punto dalla promozione in Serie B, il capitano Migliorini chiedeva a Pedoni di offrire patta, ancorché in posizione nettamente migliore, offerta che l’avversario accettava. 2,5 – 1,5 e missione compiuta: la Serie B era raggiunta.

Nell’ultimo turno, contro Imperia, non c’era più nulla da chiedere alla classifica, ma non mancavano gli stimoli per i nostri giocatori: Ilaria voleva rifarsi dopo la sconfitta del mattino, Lorenzo voleva vincere l’incontro per dimenticare la patta del turno precedente, Dario aveva bisogno di vincere per garantirsi il titolo di Candidato Maestro (aveva già superatoil tetto di 2000 punti, ma anche solo la patta lo avrebbe fatto tornare al di sotto della soglia fatidica) e Stefano non voleva sicuramente tirarsi indietro. E così Ilaria approfittava di una imprecisione di Claudio Ruggeri (ELO 1733) per guadagnare un pedone e lanciarsi in un attacco che la portava alla vittoria dopo un finale giocato con ottima tecnica; Lorenzo non dava scampo a Maurizio Platino (ELO 1737) e Stefano, con il suo solito gioco preciso, aveva ragione di Gianni Rossi Cassani (ELO 1766). Era Dario a giocare un’altra partita incredibile: dopo essersi trovato in una posizione difficile da gestire, usciva il Dario migliore che con mosse azzeccate costringeva al ritiro Marco Ciccarelli (ELO 1734). Era l’ultimo 4-0: la squadra aveva lasciato sulle scacchiere solo un punto e mezzo su 20 venti complessivi. Una promozione assolutamente meritata: complimenti a tutti e arrivederci in Serie B!

- Campionato Italiano a Squadre: Serie A1

Il girone 1 di Serie A1 del Campionato Italiano a Squadre vedeva quest’anno ai nastri di partenza, nel raggruppamento di Santa Margherita Ligure (GE) dello scorso fine settimana, anche la nostra prima squadra. Non era la prima volta che accadeva, ma lo era per i nostri quattro ragazzi, tre dei quali “nati” e cresciuti nel nostro circolo: il Maestro Giovanni Siclari, il CM Matteo Migliorini, il Maestro Lorenzo Bardone insieme al CM Paolo Drago, che del nostro circolo fa parte ormai da diversi anni.

Il compito dei nostri soci era estremamente complicato: salvarsi per mantenere la Serie A1 anche il prossimo anno dovendo affrontare squadre sulla carta nettamente più forti. Basti pensare che l’ELO medio della nostra squadra era il più basso (2151 punti), contro i 2350 (medi!) della Cerianese, i 2295 del Centurini Genova, i 2287 della Scacchistica Torinese, i 2249 dell’Eporediese ed i 2244 della Scacchistica Milanese.

Ma alla fine in un Campionato a Squadre disputato in un fine settimana può accadere di tutto e quindi con un po’ di fortuna e con alcuni incontri da ricordare alla fine la salvezza è arrivata, anche se per un nonnulla.

Andiamo con ordine: il primo turno ci vedeva contro la Scacchistica Milanese e gli incontri si svolgevano senza problemi. Migliorini non si lasciava sfuggire in apertura l’occasione di approfittare una mossa avventata del proprio avversario (il MF Misiano, ELO 2286) per guadagnare la Donna per Torre e pezzo, vincendo successivamente con un forte attacco. Drago schiacciava Garano (ELO 2136) in una posizione ristretta, per poi guadagnare materiale decisivo e sferrare matto poco dopo. In seguito Siclari costringeva alla patta il suo avversario, che era l’ex di turno, ovvero il MI albanese Qendro (ELO 2340), uno dei componenti della squadra di Valle Mosso che nel 2004 guadagnava la promozione in Serie A1. Giovanni riusciva ad arrestare l'avanzata dei due forti pedoni passati avversari, mentre poco dopo Bardone si salvava in finale con un pedone in meno contro Giovanni Iudicello (ELO 2142) pattando il proprio incontro. L’inizio non poteva essere migliore: 3-1 e due punti d’oro.

Nel secondo turno gli avversari erano i favoriti (poi risultati effettivamente vincitori) della Scacchistica Cerianese. Era ancora Matteo in seconda scacchiera, contro il MI Giulio Borgo (ELO 2379) a dare spettacolo: il nostro giovane CM teneva una posizione complicata nella quale aveva una qualità in meno, mentre Borgo si ritrovava con la Donna limitata nella sua mobilità. In un finale incredibile, dove Matteo contrattaccava mettendo in sequenza in presa prima la Donna e poi anche la Torre, minacciando scacco matto in caso di presa di uno dei due pezzi, Borgo cercava in tutti i modi di sfuggire – senza riuscirvi - alla patta per scacco perpetuo. Iniziavano a questo punto le occasioni mancate: Giovanni doveva arrendersi al MI (quasi GM) Luca Moroni jr. (ELO 2467) dopo aver perso un pedone decisivo in un finale che sarebbe stato altrimenti vinto (ed è la seconda volta al CIS che gettiamo alle ortiche un incontro vinto contro il fortissimo MI brianzolo). Paolo, malgrado una svista in apertura, riusciva a pattare una posizione difficile con un pedone in meno contro il MF Franco Trabattoni (ELO 2305); poco dopo Lorenzo perdeva in finale contro Daniele Lapiccirella (ELO 2249) dopo aver mantenuto una buona posizione per tutto l’incontro. Stesso risultato del primo turno, ma stavolta a nostro sfavore: 1-3.

Terzo turno contro l'Eporediese: altri incontri difficili (ma di facili non ce n’erano davvero!) con avversari che, oltre ad essere forti, sono anche ampiamente abituati alle massime categorie del CIS. Per il terzo incontro consecutivo era sulla seconda scacchiera che si vedevano i fuochi d’artificio: contro il MF Fabrizio Ranieri (ELO 2239) Migliorini montava un forte (e complicato) attacco all’arrocco dell’avversario, contro il quale Ranieri non riusciva a resistere. Il punto veniva presto pareggiato dalla vittoria di Silvano Saccona (ELO 2157) che aveva ragione di Drago. Anche gli ultimi due incontri si chiudevano a nostro sfavore, con Siclari che doveva arrendersi nel finale contro il MI Folco Castaldo (ELO 2419), mentre Bardone non riusciva a tenere chiusa la posizione in un finale di Torre, con conseguente entrata decisiva del suo avversario Elia Mariano (ELO 2179). Ancora un 1-3: la situazione cominciava davvero a farsi complicata.

Il quarto incontro, domenica mattina, era quindi decisivo per la salvezza in quanto ci vedeva opposti alla squadra del Centurini di Genova, che – insieme alla Scacchistica Milanese – divideva l’ultimo posto della classifica con zero punti. La vittoria ci avrebbe garantito la salvezza con un turno di anticipo, la sconfitta avrebbe complicato tutto, mentre il pareggio lasciava aperti i giochi per il turno pomeridiano. Era ancora Matteo che terminava per primo, accettando la patta offerta da Vincenzo Manfredi (ELO 2227) in posizione un poco superiore ma che lo vedeva in forte zeitnot. Aveva invece dell’incredibile quello che accadeva non molto tempo dopo sulla quarta scacchiera. Paolo si trovava, dopo il sacrificio di un pezzo del suo avversario, invischiato in una posizione decisamente inferiore con minaccia di matto in una mossa in g7 e ciò nonostante riusciva a resistere difendendo con precisione la casa decisiva. Con sia il nostro giocatore che il suo avversario, Marcello Astengo (ELO 1994), in forte zeitnot, era quest’ultimo che a un certo punto si dimenticava dell’orologio. La bandierina consegnava allora una vittoria insperata al nostro socio. Giovanni intanto contro il MF tedesco Martin Kreuzer (ELO 2332) otteneva una posizione che pareva promettente, ma non riusciva purtroppo ad attivare il suo cavallo come sperato a causa delle proprie debolezze strutturali e quando finalmente riusciva a entrare con la Donna nello schieramento avversario doveva accontentarsi del perpetuo a causa dell'attività dei pezzi pesanti avversari. Lorenzo, anche lui in posizione migliore, perdeva un pedone in finale e nulla sortivano i suoi tentativi di dare scacco perpetuo con la Donna; forzato a cambiarle, perdeva velocemente il finale di Cavallo perché l'avversario riusciva a forzare la promozione. 2-2 e tutto rimandato al pomeriggio.

Il calendario proponeva all’ultimo turno tre incontri completamente diversi: Eporediese e Cerianese si affrontavano per definire la squadra promossa in Serie Master; Centurini e Scacchistica Milanese disputavano una gara tra squadre sicuramente deluse, con i lombardi già retrocessi ed i liguri ai quali la vittoria poteva non essere sufficiente per la salvezza. Il terzo incontro ci vedeva alla ricerca di almeno un punto contro la Scacchistica Torinese, squadra che non aveva più nulla da chiedere dalla gara e che si presentava senza la prima scacchiera, il GM montenegrino Djukic, ma comunque con una formazione di tutto rispetto. Gli incontri terminavano in parità: era il punto che ci consegnava la salvezza.

In conclusione, la soddisfazione per aver raggiunto l’obiettivo della vigilia è un poco mitigata dall’andamento del torneo, dove abbiamo lasciato sul campo qualche punto di troppo in posizioni che potevano e dovevano avere risultati diversi: i risultati di Matteo Migliorini in seconda scacchiera (per lui una performance eccezionale di 2418 punti) hanno fatto da contraltare alla prestazione sotto tono di Lorenzo Bardone (per lui -32 punti ELO di variazione). Sostanzialmente in linea con le attese invece i risultati di Giovanni Siclari e di Paolo Drago, quest’ultimo capace di portare alla causa 3 punti con fortuna e determinazione. Il prossimo anno saremo ancora lì, confidando sulla crescita dei nostri ragazzi che – speriamo – ci possa garantire una salvezza meno complicata. Per il momento: complimenti!

- Ratificato il titolo di Maestro F.S.I. per Lorenzo Bardone!

La Federazione Scacchistica Italiana ha ufficialmente ratificato il titolo di Maestro per il nostro Lorenzo Bardone, che aveva toccato i fatidici 2200 punti durante lo scorso Campionato Interprovinciale dopo aver conquistato negli anni scorsi le norme necessarie.

A Lorenzo rinnoviamo le congratulazioni per l'importante traguardo raggiunto.

- Campionato Regionale a Squadre Under 16

Si è disputato domenica scorsa a Leinì, organizzato dal neonato circolo della cittadina torinese, il Campionato Regionale a Squadre Under 16, al quale hanno partecipato due nostre formazioni.

La copertina va di diritto alla squadra dei più piccoli (Under 10) composta da Erick Marangone, Nizar Moussadek ed Emiliano Tiritan, capace di ottenere la qualificazione alla fase nazionale malgrado l’handicap di giocare in tre per l’improvviso forfait della prima scacchiera designata Dario Isoardi. In un torneo composto da quattro formazioni e dominato dalla Scacchistica Torinese (disputato con gare di andata e ritorno) erano due i posti a disposizione per le finali nazionali e i nostri tre giovanissimi hanno sfoderato una prova entusiasmante per la soddisfazione del capitano Stefano Bozio Madè; e di tutto il circolo, terminando al secondo posto. Su tutti merita una particolare menzione il torneo di Emiliano Tiritan, che mettendo in mostra una fortissima determinazione ha ottenuto 5,5 punti su 6 conquistando il primo premio di scacchiera. Buona anche la prova di Erick Marangone (3 punti) che ha avuto il merito di giocare molto concentrato utilizzando bene il tempo a propria disposizione. Tre punti anche per Nizar Moussadek, con qualche errore di troppo dovuto alla precipitazione, ma con una bella vittoria al sesto turno contro Francesco Monni della Scacchistica Torinese, che ha impedito a quest’ultimo di ottenere l’en-plein di vittorie. Il risultato finale di 5 punti, quindi, insperato all’inizio delle gare in considerazione della sconfitta fissa in quarta scacchiera, deve essere grande motivo di orgoglio per i nostri tre giovani soci.

Più difficile – ma lo si sapeva – il cammino della prima squadra (Under 16), che attraversa un fisiologico momento di riassestamento e che non poteva ambire a ripetere il successo dello scorso anno: ci sono state comunque delle note positive che lasciano ben sperare per il futuro. Il settimo posto finale con 6 punti è anche frutto dello sfortunato accoppiamento dell’ultimo turno contro la Scacchistica Torinese (vincitrice a punteggio pieno). Guidata dal Maestro Giovanni Siclari, la formazione era composta da Ilaria Gnata, Lorenzo Della Peruta, Alessandro Gasparetto, Matteo Porrino e Fouad Moussadek. Veramente ottima la prestazione di Gasparetto, che ha terminato con 4,5 punti giocando in modo preciso e molto concentrato per tutto il tempo. Il percorso di Alessandro si è interrotto solo all’ultimo turno, a causa di una svista, contro un giocatore di Prima Categoria Nazionale, ma è il suo continuo evidente miglioramento che lascia ben sperare per il futuro, a patto che ovviamente mantenga l’impegno attuale. Buono il torneo di Ilaria Gnata, con qualche problema nella gestione delle aperture e del tempo (ma sappiamo che Ilaria non gradisce il tempo rapido): in particolare va segnalata l’ottima patta strappata all’ultimo turno contro Mirko Lizzul Coppe. Sotto tono invece Lorenzo Della Peruta, che ha evidentemente pagato il periodo di lontananza dalle scacchiere ed ha avuto un approccio troppo poco aggressivo negli incontri giocati. Non si poteva chiedere di più invece a Matteo Porrino ed a Fouad Moussadek: l’emozione di giocare in prima squadra ha sicuramente tolto un poco di precisione; va comunque rimarcata la patta conclusiva di Fouad contro la Prima Nazionale Giada Rinaudo, ottenuta dopo aver sì perso un pezzo, ma soprattutto dopo aver trovato la mossa giusta per salvarsi con uno scacco perpetuo.

- Trofeo Scacchi Scuola - Fase Provinciale

Si è disputata sabato mattina la fase provinciale dei Campionati Giovanili Studenteschi, mai come quest’anno travagliati, con il cambio di nome in Trofeo Scacchi Scuola, l’ingresso – quanto meno formale – del MIUR nelle fasi provinciali e regionali e continui cambi regolamentari, con le regole riscritte l’ultima volta a poche settimane dall’inizio delle fasi provinciali. Nella nostra provincia abbiamo, come accaduto negli ultimi anni, organizzato un torneo per le scuole primarie (le uniche a non essere inglobate nel perimetro MIUR) al quale hanno preso parte dieci compagini, alcune già presenti negli scorsi anni e altre alla loro prima esperienza, come la scuola di Ronco di Cossato e quella di Cavaglià. Al termine dei cinque turni è risultata vincente la squadra favorita della vigilia: Valle Mosso, che poteva contare su Nicolò Cusinato, Nizar Moussadek, Michele Broglio, Kapeeshan Karthikeyon e Bryan Toffetti. I cinque ragazzi hanno terminato a punteggio pieno, staccando Zumaglia e Ronco Biellese di 3 punti. Oltre alla squadra di Valle Mosso, sono risultate qualificate per la fase regionale di Cuneo del prossimo 10 aprile anche le scuole di Zumaglia (Istituto Comprensivo di Vigliano) e Ronco di Cossato. Significativo il risultato dell’I.C. di Vigliano che ha piazzato altre due squadre al terzo e quarto posto assoluto (Ronco Biellese e Vigliano Amosso), ma che non hanno potuto qualificarsi in quanto ciò è riservato solo ad una squadra per ogni Istituto Comprensivo.

Tra le ragazze hanno prevalso le giovani di Vigliano Amosso (Aurora Lionello, Ginevra Grendene, Sofia Vaudagna, Alice Marzolla e Beatrice Mihalyi), seste assolute con 5 punti. Qualificate anche le squadre di Valle Mosso e di Ronco di Cossato.

Alla fase provinciale erano anche iscritte una squadra Allievi del Liceo Scientifico “Amedeo Avogadro” di Biella e una squadra Juniores dell’Istituto Tecnico Industriale “Quintino Sella” di Biella; essendo le uniche squadre nella propria categoria entrambe sono passate di diritto alla fase regionale.

- Campionato Italiano a Squadre: Secondo Turno

Nel secondo turno della Serie Promozione del Campionato Italiano a Squadre arrivano due sconfitte per le nostre compagini.

Nel Girone 2 è la Chivassese a venire a vincere in casa nostra (1,5-2,5): gli incontri cominciavano a dire il vero bene con una bella e veloce vittoria di Davide Colpo contro Riccardo Manzoni (ELO 1523), ma i nostri avversari si portavano in parità grazie ad Alessandro Avere (ELO 1647) che superava Matteo Sunder. Il nostro giovane giocatore commetteva una svista nel mediogioco perdendo una Torre; ciò nonostante riusciva a portare un deciso attacco all’arrocco avversario. La difesa ordinata permetteva però ad Avere di rintuzzare l’attacco e, con il vantaggio di materiale, di vincere l’incontro. Il risultato di parità non si muoveva dopo la conclusione dell’incontro tra Domenico Cognata e Claudio Papalini (ELO 1558): malgrado aver mantenuto per tutto l’incontro una buona iniziativa, con guadagno anche della qualità, Domenico non riusciva a prevalere, dovendo prima restituire la qualità guadagnata per poi trovarsi in un finale di Torre e pedoni pari che portava alla patta. Era quindi decisivo l’incontro in prima scacchiera tra Stefano Lavino e Massimiliano Listello (ELO 1800), gara che si manteneva equilibrata fino alla trentesima mossa, quando Listello riusciva ad andare in vantaggio ottenendo un pedone e poi anche la qualità. Malgrado i tentativi di Stefano di cercare nel finale uno scacco perpetuo grazie alla posizione scoperta del Re avversario, il giocatore chivassese riusciva a riportare il proprio monarca al coperto vincendo la partita.

Nel Girone 4 era invece ovviamente “missione impossibile”, per i nostri giovanissimi capitanati da Luigi Isoardi, il confronto a Torino con la squadra del Libero Torneificio del Borgo (LTB Wonder Team). Sul “neutro” della Scacchistica Torinese lo 0-4 subìto non racconta davvero l’andamento degli incontri e alcune sconfitte sono arrivate malgrado la buona resistenza opposta dai nostri ragazzi.

- 16º Semilampo “Città di Cossato”

La sedicesima edizione del Torneo “Città di Cossato” , semilampo da qualche anno non più riservato a giocatori Under 16 come lo era all’inizio, si è disputata oggi nell’ormai collaudata sede di Villa Ranzoni con al via 26 giocatori. Non sono mancate le sorprese: innanzitutto il vincitore, Dario Borghi, che per la prima volta si aggiudica un nostro semilampo e va a vincere proprio quello giocato nella sua città. Dario ha concluso con 5,5 punti su 6, frutto di un filotto di cinque vittorie tra le quali vanno segnalate quelle contro Lorenzo Bardone, Matteo Migliorini e Massimiliano Autino, quest’ultimo vincitore della passata edizione.

La seconda sorpresa è la mancata vittoria di Giovanni Siclari, giunto “solo” al secondo posto con 5 punti, dopo essere stato sconfitto al secondo turno da Giorgio Valenzano. Il Maestro biellese, che aveva vinto praticamente tutti gli ultimi semilampo disputati, ha preceduto sul podio un altro giocatore che non ti aspetti, anch’egli di Cossato: Stefano Lavino. Stefano, con 4,5 punti, ha perso solo con Autino, pattato l’ultimo incontro con Borghi ed ha superato per spareggio tecnico Giorgio Valenzano, quarto ed ultimo dei premiati nella classifica assoluta.

Durante la premiazione, alla presenza del Vicesindaco ed Assessore allo Sport del Comune di Cossato Enrico Moggio, sono stati premiati anche Davide Colpo (migliore NC) ed i giovani Ilaria Gnata (Under 16), Matteo Sunder (Under 14), Evelyn Odisio (Under 12), Ruggiero Zanocchio (Under 10) ed Erick Marangone (Under 8).

Un ringraziamento finale va al Comune di Cossato, con il quale la nostra collaborazione prosegue in modo sempre proficuo, e ad “Aglietti Carni”, sponsor e fornitore dei premi del torneo.

- Giovanni Siclari e Mario Caldi sono i Campioni Provinciali

Si è concluso oggi il Campionato Interprovinciale di Biella e Vercelli, disputato a Biella presso la sede della A.P.D. “Pietro Micca” alla presenza di 20 giocatori, un numero che ha dovuto purtroppo fare i conti con qualche defezione per svariati motivi. I giocatori presenti hanno comunque dato vita ad un torneo combattuto, che soprattutto negli ultimi due turni ha regalato alcuni incontri molto avvincenti e qualche sorpresa.

Nella mattinata di domenica, infatti, mentre Giovanni Siclari aveva ragione di Dario Borghi, Lorenzo Bardone pattava inaspettatamente con l’eporediese Ivan Novaria, grazie ad un provvidenziale scacco perpetuo che lo salvava da una situazione estremamente difficile. Nella scacchiera a fianco, intanto, Lorenzo Pedoni aveva ragione di Stefano Bazzeato grazie ad un fortissimo attacco congegnato alla perfezione sull’ala di Re. Ma per la legge del contrappasso, nel turno pomeridiano era lo stesso Pedoni a dover subire un attacco più o meno simile per mano di Dario Borghi, che vinceva quindi l’incontro. Molto interessante anche lo scontro in prima scacchiera tra Bardone e Siclari: il risultato di parità arrivava malgrado i tentativi di Lorenzo di avere la meglio su Giovanni, in un finale con la coppia degli Alfieri (ed un pedone di svantaggio) di Lorenzo contro la Torre di Siclari.

La vittoria è quindi andata – insieme al titolo di Campione Provinciale Biellese – al Maestro Giovanni Siclari con 4,5 punti, davanti al CM Lorenzo Bardone (che al secondo turno, passando nell’ELO Live i 2200 punti, è diventato Maestro in pectore) e a Dario Borghi, entrambi con 4 punti. Campione Provinciale Vercellese (e primo classificato nella fascia ELO di pertinenza) il CM Mario Caldi (sesto assoluto con 3 punti); premio di fascia (sotto i 1600 punti) anche per Davide Colpo, che ha fatto vedere significativi segnali di miglioramento, testimoniati dai 2,5 punti che gli sono valsi l’undicesimo posto. Prima classificata tra gli Under 16 Ilaria Gnata, che malgrado un avvio da dimenticare contro Stefano Bazzeato, si è prontamente ripresa chiudendo con una bella vittoria contro Gianni Zannoni ed una consistente variazione positiva di punti ELO (+33).

Pur uscendo sconfitto contro giocatori di pluriennale esperienza, anche Alessandro Gasparetto ha fatto vedere un generale miglioramento, confermando i progressi messi in mostra nel nostro Torneo Sociale e prima nel Torneo di Fine Anno. Coraggiosa infine la partecipazione dei nostri Under 8 Dario Isoardi ed Erick Marangone, che hanno potuto fare un poco di esperienza in tornei a tempo lungo: per la cronaca, Isoardi ha avuto la meglio nello scontro diretto.

Lo Scacchi Club Valle Mosso ringrazia ancora l’Associazione Sportiva “Pietro Micca” per l’invito, con la speranza di poter sviluppare in futuro ulteriori collaborazioni, come sottolineato anche dal Presidente Ercole Passera durante la cerimonia di premiazione.

- Lorenzo Bardone è Maestro F.S.I.!

Grazie alla vittoria al secondo turno del Campionato Interprovinciale di Biella e Vercelli contro il CM vercellese Mario Caldi, il nostro Lorenzo Bardone ha superato quota 2200 nel punteggio ELO e potrà pertanto fregiarsi del titolo di Maestro F.S.I., avendo già in carniere due mini-norme su sette turni. E' il secondo titolo di Maestro per un giovane del nostro circolo, dopo quello ottenuto più o meno un anno fa da Giovanni Siclari.

A Lorenzo vanno le congratulazioni del Direttivo del circolo e di tutti i soci.

- Iniziato il Campionato Interprovinciale di Biella e Vercelli

E’ iniziato questa sera il Campionato Interprovinciale di Biella e Vercelli, valido come ottavo di finale del Campionato Italiano Assoluto. Il torneo è previsto nella formula week-end da 5 turni e si svolge, come lo scorso anno, presso la Sede dell’Associazione Polisportiva Dilettantistica Pietro Micca di Biella, l’Associazione più numerosa e importante della Provincia. I giocatori iscritti sono 20, di cui 13 della provincia di Biella, 5 della provincia di Vercelli e 2 della provincia di Torino (il torneo è infatti a tutti gli effetti un Open). Tra i giocatori delle province di Biella e Vercelli sarà al termine assegnato il titolo di Campione Provinciale. Un particolare ringraziamento va all’Associazione che ci ospita ed in particolare al Presidente Ercole Passera che ci ha voluto ospitare per la seconda volta.

- Campionato Italiano a Squadre: Aggiornamento Primo Turno

A seguito di una verifica successiva al termine degli incontri è stato modificato dal Direttore di Girone il risultato di una delle partite giocate da Valle Mosso 2 nel girone 4 di Serie Promozione. E' infatti emerso che la squadra dell'Alfieri 2 aveva schierato erroneamente un proprio giocatore e pertanto su quella scacchiera (l'incontro Dario Isoardi - Alberto Odine) è stata assegnata la vittoria a forfait al nostro giocatore. Il risultato finale vede quindi l'Alfieri 2 prevalere per 2,5 - 1,5.

- Campionato Italiano a Squadre: Primo Turno

Sono iniziate domenica per le nostre formazioni le gare del Campionato Italiano a Squadre 2017. Quest’anno, nelle diverse serie, schieriamo quattro formazioni: le prime due, che giocheranno in Serie A1 ed in Serie C, prenderanno parte al raggruppamento di Santa Margherita Ligure, in programma nel fine settimana 24-26 marzo prossimo; in Serie Promozione invece si sono disputati ieri gli incontri del primo turno.

Valle Mosso 1, capitanata da Stefano Lavino, era di scena in quel di Verbania contro il locale circolo ed ha ottenuto un buon 2-2. Sconfitto in prima scacchiera il nostro capitano contro Emanuele Rossi (ELO 1635), che usciva meglio dall’apertura guadagnando un pedone, vantaggio che nel mediogioco raddoppiava. Ciò nonostante Stefano riusciva a portare l’incontro in equilibrio arrivando in un finale di Torre e cinque pedoni a testa. Anche grazie al maggior tempo a disposizione, però, Rossi sfruttava al meglio un pedone passato sulla colonna a ottenendo la vittoria. In seconda scacchiera Matteo Sunder aveva ragione di Serge Justin De Ruijter (tranche FIDE di 1777) grazie ad un sacrificio di pedone nel mediogioco che gli consentiva di guadagnare l’iniziativa, per poi lanciare un attacco sull’ala di Re con scacco matto finale. Vittorioso anche Stefano Bozio Madè in terza scacchiera, contro Alessandro Esposito (ELO 1440): il suo incontro, a lungo equilibrato, si decideva nel momento in cui Stefano andava in vantaggio di un pezzo, costringendo poi all’abbandono l’avversario grazie ad una combinazione che avrebbe guadagnato forzatamente la Donna. Sconfitta invece in ultima scacchiera per Davide Colpo, opposto al giovane Marcello Di Fina (ELO 1434): il nostro ragazzo vanificava purtroppo una buona apertura, che lo lasciava in leggero vantaggio strutturale, a causa di una svista che gli costava una Torre.

Valle Mosso 2 è invece la nostra classica squadra sperimentale, affidata al capitano Luigi Isoardi e con in formazione i nostri giovani e giovanissimi che possono così fare esperienza nei tornei a tempo lungo. Questa squadra, alla quale si richiede quindi unicamente l’impegno, ha affrontato al primo turno l’esperta formazione dell’Alfieri 2 di Torino, venendo sconfitta per 0,5-3,5. Il mezzo punto è stato ottenuto da Luigi Isoardi contro Maurizio Musso (ELO 1993) dopo un incontro nel quale il nostro socio poteva ottenere, con più determinazione, anche il punto pieno. Sconfitte maturate diversamente per le restanti tre scacchiere: in seconda Erick Marangone, opposto a Massimo Cutelli (ELO 1830), tardava troppo a mettere il proprio Re al sicuro arroccando e doveva subire l’attacco dell’avversario; in terza scacchiera Dario Isoardi impegnava a lungo Alberto Odine (ELO 1852) prima che una svista del nostro giovanissimo giocatore gli costasse la perdita di un pezzo compromettendo irrimediabilmente l’incontro. Durava poco infine l’incontro di Simone Gallo in quarta scacchiera contro Alessandro Alberti (ELO 1443).

- Rinnovato il Consiglio di Amministrazione

In seguito al risultato delle votazioni per il nuovo Consiglio di Amministrazione, svoltesi durante l’Assemblea di domenica 19 febbraio, si è tenuta martedì scorso la prima riunione dei Consiglieri eletti. Tra di loro sono state confermate le cariche di Presidente per Bruno Norbiato e di Vice Presidente per Franco Zecchini. Confermati anche Marco Squara e Stefano Lavino nei ruoli rispettivamente di Segretario e Tesoriere. Il nuovo Consiglio vede poi l’ingresso, accanto a Renato Guano, di quattro volti nuovi: Giancarlo Colpo, Alberto Siclari, Rita Cecconello ed Elisabetta Celitoso. Da sottolinerare quindi – per la prima volta nella storia del circolo – la presenza di due rappresentanti femminili.

A tutti i Consiglieri un augurio di buon lavoro, con un particolare incoraggiamento a chi affronta questo compito per la prima volta, nella speranza che tutti insieme possano portare una positiva ventata di novità nella gestione del nostro circolo.

- Assemblea dei Soci e Premiazione Torneo Sociale

Questa domenica è stata una giornata ricca di eventi ed anche molto partecipata, con in programma Pranzo Sociale, premiazione del Torneo Sociale concluso venerdì scorso ed infine Assemblea dei Soci con l’elezione dei componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione.

L’appuntamento, che come negli ultimi anni era presso il Ristorante dei Cacciatori di Valle Mosso, ha radunato 48 partecipanti tra Soci e relativi familiari. Al termine del pranzo si è svolta la premiazione del vincitore del Torneo Sociale, il CM Bazzeato, e dei giocatori meglio classificati, sia nella classifica assoluta che in quelle speciali.

E’ quindi iniziata l’Assemblea dei Soci, con la relazione sull’andamento della gestione del triennio 2014-2016 e le informative sulle prospettive future del circolo, ivi inclusi i prossimi appuntamenti in calendario. Si è poi passati allo spoglio delle schede per l’elezione del Consiglio di Amministrazione che rimarrà in carica per il triennio 2017-2019; nello specifico l’Assemblea ha anche deliberato di aumentare il numero dei Consiglieri al massimo statutario di nove componenti.

Hanno espresso il proprio voto 25 dei 31 soci aventi diritto (in quanto maggiorenni) ed hanno ottenuto voti: Stefano Lavino (25 voti), Bruno Norbiato (25), Rita Maria Cecconello (22), Elisabetta Celitoso (21), Renato Guano (21), Marco Squara (20), Franco Zecchini (17), Antonello Migliorini (9), Giancarlo Robiolio Bose (5), Giancarlo Colpo (3), Fabrizio Porrino (3), Alberto Siclari (3), Lorenzo Bardone (2), Alberto Barzaghi (2), Stefano Bazzeato (2), Luigi Isoardi (2), Andrea Botto Poala (1), Domenico Cognata (1) e Matteo Migliorini (1). Schede Bianche: nessuna; Schede Nulle: nessuna.

Posto che Antonello Migliorini e Giancarlo Robiolio Bose hanno manifestato la rinuncia a far parte del Consiglio a causa di incompatibilità con la qualifica arbitrale e che anche Fabrizio Porrino aveva espresso la propria indisponibilità alla carica, i primi nove eletti (Lavino, Norbiato, Cecconello, Celitoso, Guano, Squara, Zecchini, A. Siclari e Colpo) si ritroveranno martedì prossimo per la prima riunione del nuovo Consiglio, dove si procederà all'assegnazione delle cariche sociali.

- Stefano Bazzeato è il Campione Sociale 2017!

Il Candidato Maestro biellese Stefano Bazzeato si è ieri sera laureato Campione Sociale per il 2017, dominando il torneo con un perentorio 6 su 6 e distanziando di 1,5 punti il secondo classificato, il CM Lorenzo Pedoni. Il Torneo Sociale di quest’anno ha visto l’assenza di alcuni soci, sia per impegni scolastici che per altre situazioni contingenti, ma ha potuto dare il benvenuto a diversi giocatori che si sono cimentati per la prima o seconda volta in un torneo serale a tempo lungo. Questo ci fa sicuramente piacere, poiché il circolo ha costantemente bisogno di forze nuove per poter andare avanti.

La gara non ha mancato di riservare sorprese: tra queste va segnalato il risultato finale di Alessandro Gasparetto, partito con il numero 24 di tabellone e capace di piazzarsi al quinto posto, nel gruppo di giocatori terminato a 4 punti. In particolare Alessandro si è fatto notare per aver superato al quarto turno Luigi Isoardi ed al turno successivo, al termine di un incontro avvincente e rocambolesco, Marco Squara; nulla ha però potuto al turno conclusivo contro Lorenzo Pedoni. Si sono anche visti importanti miglioramenti nel gioco dei nostri Piccoli Alfieri Dario Isoardi ed Erick Marangone (quest’ultimo ha impegnato a lungo Ilaria Gnata nel terzo turno): peccato che talvolta abbiano ceduto all’irruenza e – senza pensare – abbiamo perso incontri troppo velocemente.

Nella classifica finale, dopo Bazzeato e Pedoni, troviamo al terzo posto Dario Borghi, primo di un gruppo di giocatori a 4 punti che comprende anche Marco Squara, il citato Gasparetto e Stefano Lavino, autore di una bella vittoria all’ultimo turno contro Matteo Sunder.

Oltre ai primi quattro della classifica assoluta hanno ottenuto premi nella loro fascia ELO Stefano Lavino ed Alessandro Gasparetto; tra gli Under 16 Ilaria Gnata e Matteo Sunder. I premi saranno consegnati al termine del Pranzo Sociale in programma domenica 19 febbraio.

- Ilaria Gnata è Seconda Categoria Nazionale

Dopo sette mesi di astinenza possiamo di nuovo festeggiare una promozione di categoria all'aggiornamento del punteggio ELO: si tratta di Ilaria Gnata che, grazie al bel torneo disputato ad Arco durante le festività di fine anno ha ottenuto la Seconda Categoria Nazionale, ad otto mesi di distanza dalla conquista della Terza Categoria. Il cammino della giovane di Valle San Nicolao in questi ultimi anni è stato notevole, con 344 punti guadagnati in due anni: i risultati degli ultimi tornei testimoniano però che il suo percorso è solo iniziato. Ad Ilaria vanno i complimenti del Direttivo del circolo e di tutti i Soci.

- Campionato Provinciale Under 16

Il primo appuntamento istituzionale dell'anno è da qualche anno il Campionato Provinciale riservato ai ragazzi Under 16 ed infatti oggi 19 giovani si sono disputati i titoli di categoria e la possibilità di qualificarsi per le finali nazionali, previste il prossimo mese di luglio a Chianciano Terme (SI).

I giocatori sono stati suddivisi in due tornei in base alle categorie rappresentate: nel primo torneo hanno preso parte Allievi, Cadetti e Giovanissimi, nel secondo i Pulcini ed i Piccoli Alfieri.

Nel torneo A la vittoria è andata a Lorenzo Della Peruta, che malgrado la sconfitta patita a sorpresa all'ultimo turno per mano di Matteo Porrino a causa di una clamorosa svista, ha terminato con 4,5 punti aggiudicandosi anche il titolo di Campione Provinciale Cadetti. Con i suoi stessi punti, ma penalizzata dall'aver perso lo scontro diretto al primo turno, ha chiuso al secondo posto Ilaria Gnata, neo Campionessa Provinciale Allievi. Alle loro spalle si sono classificati quattro ragazzi, tutti con 4 punti: tra di loro lo spareggio tecnico ha premiato Gabriele Pallaro (circolo “Sempre Uniti” di Asti), davanti ad Alessandro Gasparetto, Alberto Rotondaro (Scacchistica Torinese) e Matteo Porrino, mentre Fouad Moussadek, con 3 punti, è diventato il Campione Provinciale Giovanissimi ed Evelyn Odisio potrà fregiarsi del titolo di Campionessa Provinciale della medesima categoria.

Nel torneo B i pronostici erano tutti per i nostri due “terribili” Piccoli Alfieri Dario Isoardi ed Erick Marangone e loro non hanno deluso. Vale una menzione speciale lo scontro diretto, molto avvincente e ben giocato, con Erick che andava in vantaggio di un pedone e si trovava a gestire una posizione migliore. Dario si fermava a riflettere a lungo (mentre Erick giocava molto più d'istinto) e riusciva ad evitare lo scacco matto al costo di un Cavallo, iniziando un interessante controgioco sul lato di Donna. A questo punto Erick, forse pensando più a difendersi che ad attaccare, giocava un paio di mosse imprecise che favorivano l'avversario. Era quindi Dario a promuovere a Donna facendo suo l'incontro. Nell'incontro successivo Dario veniva però fermato da Nizar Moussadek ed i due ragazzi terminavano appaiati in vetta, come nel torneo A, con 4,5 punti. Lo spareggio tecnico premiava Dario Isoardi, che diventava così Campione Provinciale Piccoli Alfieri (e otteneva l'anelata qualificazione per le finali nazionali), mentre Nizar Moussadek, autore di una convincente prestazione, otteneva il titolo di Campione Provinciale Pulcini. Tra le piccole giocatrici la migliore era Elisa Barbieri (anche lei del circolo di Asti), mentre Karunya Karthikeyon si aggiudicava il titolo di Campionessa Provinciale Piccoli Alfieri.

Oltre ai Campioni Provinciali hanno ottenuto la qualificazione per la fase nazionale anche Gabriele Pallaro, Alessandro Gasparetto ed Elisa Barbieri.

Abbiamo visto con piacere alcuni dei ragazzi che da poco frequentano il nostro circolo cimentarsi senza paura contro giovani più esperti: è questo lo spirito giusto e speriamo che possano continuare, consapevoli, a prescindere dai risultati più o meno buoni ottenuti, che sono solo all'inizio del loro percorso. Con una buona dose di impegno e di volontà potranno sicuramente migliorare e togliersi qualche soddisfazione.

- Campionato Provinciale Giovanile di Novara

Tre dei nostri giovani hanno partecipato ieri ad Arona al Campionato Provinciale Giovanile della provincia di Novara, ottenendo ottimi risultati. Considerato il numero dei partecipanti nelle varie fasce il torneo si è svolto con la formula dell’Open integrale: ciò nonostante i nostri Under 8 Erick Marangone e Dario Isoardi si sono fatti valere ed hanno terminato rispettivamente con 4 e 3,5 punti (su 6), punteggio che gli è valso il primo ed il secondo posto nella loro categoria (guarda la premiazione di Erick e la foto di gruppo). Nello specifico, su 32 partecipanti, Erick si è classificato settimo assoluto e Dario decimo. Peccato per Dario che, scavalcato da Erick, non ha ottenuto la qualificazione per le finali nazionali, ma per lui, considerato il suo valore, sarà solo questione di tempo. Ha ottenuto 4 punti anche Matteo Porrino, piazzandosi così secondo nella classifica Under 14 ed ottavo assoluto, risultato anche per lui positivo.

- Iniziato il 27º Torneo Sociale

Se il buongiorno si vede dal mattino…

E’ iniziato bene l’anno scacchistico 2017 con la 27ª edizione del Torneo Sociale, alla presenza di ben 24 giocatori, un numero che per essere superato ci obbliga ad andare indietro di sei anni (erano 31 i partecipanti nel 2011). Tra di loro, cinque nuovi soci al debutto assoluto (due giovani ragazze e tre adulti: bravi!) e molti giovani del nostro vivaio che affrontano per la prima volta (o quasi) un torneo serale a tempo lungo.

L’accoppiamento del primo turno è stato particolarmente “irriguardoso” nei confronti dei nuovi soci: l’ordinamento per ELO ha infatto fatto sì che dovessero affrontare i primi cinque giocatori del tabellone, contro i quali nulla hanno potuto. Anche negli altri scontri non ci sono stati risultati a sorpresa: per iniziare a vedere incontri maggiormente incerti si dovrà attendere il prossimo turno.

Il torneo si svolgerà quest’anno sulla lunghezza di sei turni (e non dei classici sette) per questioni meramente di calendario: l’inizio al 13 gennaio avrebbe infatti portato con un turno in più grosse complicazioni nella gestione delle date future.

- Rinnovato il Sito Internet dello Scacchi Club Valle Mosso

Il Sito Internet dello Scacchi Club Valle Mosso che avete imparato a conoscere visitandolo quotidianamente, dopo sette anni di onorato servizio, ha raggiunto la meritata (buon per lui!) pensione.

Da oggi potete quindi navigare su un sito completamente rivoluzionato non solo nella propria veste grafica, ma anche nella struttura che lo sostiene. Diverse sono le novità che vi invitiamo a provare, tra le quali una migliore navigazione nelle diverse sezioni con un accesso più facile ai dati storici ed una nuova sezione dedicata all’albo d’oro dei tornei disputati. Anche la parte relativa ai soci è stata modificata con l’aggiunta di una scheda personale per ognuno di loro. Troverete inoltre qua e là dei simboli, riferiti ai risultati di un torneo, alle gallerie di immagini ed alle notizie, che vi permetteranno di raggiungere direttamente la sezione desiderata.

Altra importante novità è l’indirizzo internet: da oggi l’indirizzo del sito è www.scacchiclubvallemosso.it, anche se per diverso tempo lo potrete raggiungere ugualmente dal vecchio dominio “.org”. Nulla cambia per il momento, invece, per l’indirizzo mail che rimane quello a voi noto. Il sito, infine, sarà fruibile su tablet e smartphone con una versione dedicata, grazie alla quale ci auguriamo che la navigazione possa essere più facile: in particolare i menu hanno una forma diversa e sono sostituiti da uno specifico pulsante (a sinistra del logo oppure al di sotto di esso).

Non è meno importante sottolineare come il sito sia stato creato (e verrà gestito) completamente all’interno dello Scacchi Club Valle Mosso, grazie all’impegno profuso dal nostro socio Matteo Migliorini per la realizzazione dell’infrastruttura software.

E’ in fase di completamento il caricamento della base dati presente sul vecchio sito, operazione particolarmente complessa a causa della struttura totalmente diversa tra i due siti. Alcune sezioni, come quella relativa alle partite, sarà aggiunta a breve.

Vi invitiamo a segnalarci eventuali errori e inviarci suggerimenti. Buona navigazione!